Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

martedì 26 settembre 2006

Curry di cavolfiore e patate


1 cavolfiore piccolo
3 patate medie
5 cipollotti o 1 cipolla
olio
1 foglia di alloro
un pezzetto di zenzero fresco grattugiato
2 peperoncini rossi freschi
1 cucchiaino di cumino
1 cucchiaino di paprika dolce
1 cucchiaino di garam masala
2 cucchiaini di curcuma
1 yogurt naturale
2 pomodori
sale q.b.

Lavare il cavolfiore e dividerlo in cimette. Sbucciare, lavare e tagliare a rocchi le patate. In un largo tegame versare un po' d'olio, farvi soffriggere i cipollotti tritati, i peperoncini (privati di semi e filamenti) tagliati a fettine, lo zenzero grattugiato, la foglia di alloro e le spezie. Quando si sarà sprigionato un gradevole profumo, aggiungere il cavolfiore e le patate, lasciar insaporire, salare, unire lo yogurt e i pomodori, precedentemente sbucciati e tagliati a dadini. Coprire a filo con dell'acqua calda, coperchiare e cuocere a calore moderato per circa 20 minuti o finché le verdure saranno tenere. Servire con riso pilaf.

lunedì 25 settembre 2006

Tagliatelle di farro al sugo di cannellini


Dose abbondante per quattro persone

Per le tagliatelle:
350 g di farina di farro
3 uova

Per il sugo:
300 g fagioli cannellini secchi (o 500 g di cannellini in scatola)
5 grossi pomodori
3 spicchi di aglio
foglie di erba salvia
olio extravergine
sale
pepe nero


Preparare la pasta nel solito modo ossia: setacciare la farina, disporla a fontana e praticare una cavità nel mezzo. romperci le uova e iniziare a sbatterle con i rebbi di una forchetta, incorporando man mano la farina. Lavorare l'impasto con energia, finché si otterrà una palla liscia ed elastica. Avvolgerla nella pellicola e tenerla al fresco per un'oretta. Tirare la sfoglia con la macchinetta e tagliarla a tagliatelle.

Mettere a bagno per una notte, in acqua fredda, i fagioli secchi. Lessarli, partendo da acqua fredda, per circa due ore, scolarli. In un largo tegame, far rosolare in olio extravergine gli spicchi d'aglio e alcune foglie di salvia. Aggiungere i pomodori, pelati e frullati, cuocere per una ventina di minuti, badando di lasciare il sugo un poco liquido. Salare. Aggiungere i cannellini e lasciar insaporire per qualche minuto. Completare con una buona macinata di pepe nero.

Cuocere la pasta in acqua bollente a cui avrete aggiunto un cucchiaio d'olio, scolarla dopo pochi minuti e condirla con il sugo di cannellini.

mercoledì 20 settembre 2006

Chutney di fichi

Settembre, tempo di fichi. Ecco un'idea per una confettura particolare. Un felice abbinamento è quello con i formaggi di capra, in particolare con il Losa di capra Occelli oppure, per una tartina da ghiottoni, spalmate il chutney di fichi su del pane integrale e ricopritelo con una fettina di foie gras.

CHUTNEY DI FICHI

500 g di fichi neri freschi
180 g di fichi secchi
50 g di uvetta sultanina
150 g di vino Porto (o Marsala)
300 g di aceto aromatizzato ai lamponi (bene anche quello rosso o di mele)
250 g di zucchero
1 mela verde
2 cipolle dorate (150 g circa peso netto)
buccia grattugiata e succo di 2 lime
1 pezzo di rizoma di zenzero fresco, grattugiato
1 chiodo di garofano
3 anici stellati
1 pezzo di cannella
1 pizzico di cardamomo
1 pizzico di peperoncino
2 cucchiaini colmi di senape in polvere Colman’s
½ cucchiaino di sale fino

Lavare i fichi freschi e tagliarli a spicchi. Metterli in una bacinella e coprirli con lo zucchero, 250 g di aceto, il succo e la buccia dei lime,zenzero grattugiato, chiodo di garofano, anice stellato, cannella, cardamomo. Lavare in acqua calda i fichi secchi (tagliati a quadretti)e le uvette, scolare, mettere in una scodella, ricoprire con il Porto. Lasciar macerare i frutti un paio d’ore. Tagliare a dadini le cipolle, metterle in un largo tegame (io uso un wok teflonato), ricoprirle con il Porto usato per macerare fichi secchi e uvette. Lasciar cuocere per circa 10 minuti. Aggiungere il liquido di macerazione dei fichi freschi, proseguire la cottura per 5/7 minuti, a fuoco allegro, finché comincerà a diventare sciropposo. Aggiungere i fichi secchi ,le uvette e la mela verde, sbucciata e tagliata a minuscoli pezzetti, mescolare e, dopo 3 minuti, unire i fichi freschi, la senape in polvere, il peperoncino e il sale.Proseguire la bollitura per circa 10 minuti, aggiungere ancora 50 g di aceto e continuare per altri 10 minuti, finché il chutney diventerà appiccicoso. Estrarre gli aromi(anice stellato, cannella, chiodo di garofano),dare una passata con il minipimer, versare nei barattoli sterilizzati e ancora caldi, avvitare le capsule nuove, stringere bene, capovolgere fino a raffreddamento.
Con queste dosi ho riempito 4 vasetti piccoli Bormioli (capacità 0,15 litro.

Consiglio di lasciar maturare il chutney almeno un mese,prima di aprire i vasetti. Il sapore ne guadagnerà.