Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

domenica 15 giugno 2008

Insalata di spinaci e fragole




Per 4 persone occorreranno:
150 g di spinaci novelli
una grossa manciata di pinoli
1 cestello di fragole
150 g di ricotta salata

Vinaigrette alla senape: 1 cucchiaio di senape di Dijon, olio extravergine,aceto balsamico, sale, pepe nero macinato al momento.

Lavare e sgrondare gli spinaci. Lavare e asciugare bene le fragole; tagliarle a pezzetti. Tostare, in un padellino antiaderente,i pinoli. Affettare, con il pelapatate, la ricotta salata. Disporre il tutto in una grande ciotola e condire con la vinaigrette alla senape.


Mi è stato recentemente regalato, da una persona di ritorno da un viaggio negli USA, il libro
The Mr. B's Bistro Cookbook, una racccolta di ricette, fotografie e storia di un celebre ristorante situato nel quartiere francese di New Orleans: il Mr. B's Bistro, appunto. Cucina creola e cajun, cucina fusion per eccellenza, ove abbondano piatti a base di pesce, crostacei, selvaggina, verdure, zuppe ma anche ricche insalate miste, dolci e gelati. Sfogliandolo, ho trovato subito interessante questa insalata a base di spinaci baby, fragole e ricotta stagionata. L'ho arricchita con una manciata di pinoli tostati, che trovo si sposino magnificamente con questi ingredienti. Tra l'altro, una delle mie figlie ha scoperto l'uso alternativo del pela-patate (utilizzato, in questo caso, per affettare come petali di rosa la ricotta salata) e come il nipote di Esther, il piccolo Gregolo, non può più separarsi dallo snocciolatore di ciliegie, anche Giulia non può più fare a meno di tenere accanto a sé, a tavola, il magico attrezzo ;)









Foto da New Orleans, Lousiana.
maggio-giugno 2008

4 commenti:

  1. Com'è adesso New Orleans?Si è un qualche modo ripresa dopo Katrina?

    RispondiElimina
  2. Le zone centrali della città sembrano essere sopravvissute bene all'uragano, ma le grandi aree periferiche sono in uno stato disastroso e si ha come l'impressione, almeno questo sembra all'osservatore straniero capitato lì per lavoro, che non ci sia nemmeno la volontà di ricostruirle. Nel quartiere francese la solita grande animazione: musica ad ogni angolo di strada, sfilate, locali aperti tutta la notte, liquori e birra a fiumi, apparente allegria. Nelle periferie la desolazione assoluta.

    RispondiElimina
  3. le fragole andrebbero tagliate più piccole...
    eu

    RispondiElimina