Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

venerdì 16 marzo 2007

Bacalhau a Gomes de Sá

Uno dei grandi classici della cucina portoghese, il baccalà alla Gomes de Sá deve il suo nome a José Luis Gomes de Sá, un commerciante di baccalà di Oporto (città famosa per la qualità del suo pesce), che donò la sua personale ricetta al proprietario del ristorante "Lisbonese". In breve, il piatto ebbe tanto successo che uscì dai confini della città di Oporto e si diffuse in tutto il Portogallo. La mia versione è presa dal libro di Giovanni de Biasio "Baccalà!".
Sulle dosi ho messo il mio zampino.



3 pezzi di baccalà già ammollato
2 patate medie a pasta gialla lessate
2 cipolle bianche
1 foglia di alloro
2 uova sode
4 dl di latte
olio extravergine di oliva
1 spicchio d'aglio
una manciata di olive nere
prezzemolo trito
sale, pepe
Disporre i pezzi di baccalà in una pentola e coprirli di acqua bollente, mettere un coperchio e lasciarli immersi per 20 minuti. Scolare il baccalà, spellarlo e togliere eventuali spine, romperlo in pezzi grossolani. Sistemarlo in una bacinella, coprirlo con il latte caldo. In un tegame a parte, far rosolare, in un po' d'olio extravergine, l'aglio tritato, le cipolle tagliate a fettine e la foglia di alloro. Cuocere a fiamma bassa, senza lasciar colorire, per una ventina di minuti.Salare e pepare, levare l'alloro. Sbucciare e affettare le patate, salarle leggermente, unirle alle cipolle.



Aggiungere il baccalà scolato dal latte, mescolare delicatamente e trasferire il tutto in una teglia da forno. Cuocere a 200°C per 10 minuti.




Prima di servire, unire il prezzemolo trito, le olive e le uova sode tagliate a rondelle.

2 commenti:

  1. Grazie per questa bella ricetta, proprio adatta alla Quaresima.
    Ti leggo sempre ma non commento mai.
    Un saluto da una tua concittadina
    Giovanna

    RispondiElimina
  2. ciao, Giovanna. Grazie del gentile commento e benvenuta all'Auberge.
    a presto

    RispondiElimina