Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

giovedì 27 ottobre 2011

Barchette di basilico alla robiola

Questa è un'altra invenzione di Marco Bianchi, tratta dal suo libro "I magnifici 20". Una cremosa robiola viene amalgamata ad alcuni ingredienti stuzzicanti e salutari, per poi essere adagiata dentro foglie freschissime di basilico. Ovvio che poi se ne farà un sol boccone, con grande gioia del palato e dell'intero organismo. Ho approfittato largamente dell'ultima piantina di basilico comprata al super e che, al momento, gode ancora di ottima salute, ben sistemata sul davanzale di cucina e al riparo dal freddo serale grazie allo scudo che le prestano un paio di aitanti piante di ciclamino.



Dosi per riempire una dozzina di grosse foglie di basilico:

200 g di robiola (o caprino)
un mazzetto di erba cipollina
5 falde di pomodoro secco
1 cucchiaio di capperi dissalati
scorza grattugiata di 1/2 limone non trattato (la ricetta non lo contempla, ma a me piace il profumo degli agrumi nelle creme di formaggio)
foglie di basilico
olio extravergine q.b.

Lavare con delicatezza le foglie di basilico e metterle ad asciugare su un panno pulito. Sciacquare i pomodori secchi; metterli ad ammorbidire per una decina di minuti in un po' d'acqua tiepida. Trascorso questo tempo, scolarli, asciugarli e tagliuzzarli con le forbici. Risciacquare i capperi, asciugarli e tritarli al coltello. Lavare l'erba cipollina, asciugarla e tagliuzzarla minutamente con le forbici. Mettere tutto in una ciotola, grattugiarvi sopra la buccia di limone, unire un cucchiaio d'olio extravergine; mescolare, aggiungere la robiola e amalgamare il tutto. Con l'aiuto di due cucchiaini da tè formare delle quenelles con l'impasto e adagiarle delicatamente dentro le foglie di basilico. Disporre le barchette su un vassoio con un velo d'olio sotto.

Annota bene: la ricetta originale la trovi qui.

9 commenti:

  1. Ho anche io una pianta di basilico che ha conservato meravigliose foglie.. perfette per copiartela, grazie!

    RispondiElimina
  2. Ma che fantastica idea..brava!!!

    RispondiElimina
  3. La morbida robiola con il pomodoro secco....e poi il limone,si mi piace davvero!!
    Bravissima.

    RispondiElimina
  4. semplice e bellissima questa ricetta, aggiudicata per il prossimo snack! e l'aggiunta del limone è perfetta!

    RispondiElimina
  5. mi piace davvero tanto che la trascrivo tra gli antipastini natalizi! Grazie Eugenia!

    RispondiElimina
  6. Sono molto invitanti!!Le mie piantine di basilico
    ormai sono 'andate' ma posso sempre comprarle nuove al super!
    Ciao!

    RispondiElimina
  7. magnifico ed originale antipasto Eu,grazie! buona giornata, un bacione...

    RispondiElimina
  8. Sei Eugenia che proponi cose sempre sfiziosissime?!Casa tua è meglio di un ristorante!!!
    bacione

    RispondiElimina
  9. @Barbara:perfetto! Fammi sapere se ti è piaciuta l'idea del basilico contenitore+robiola. A presto
    @La Magica Zucca:grazie, gentilissima.
    @Mariabianca: grazie a te.
    @Cristina b: l'autore della ricetta consiglia di aggiungere, eventualmente, anche delle olive nere ma a me sembra che verrebbe una crema troppo pasticciata e con troppi sapori mescolati.
    @Sonia: grazie mille, onoratissima.
    @Paprika: anche le mie vecchie piante di basilico sono ridotte male, forse a causa di un'improvviso abbassamento delle temperature nei giorni scorsi ma anche della devastante opera delle lumache(tenevo i vasetti appoggiati per terra, nell'aiuola delle rose). Cercherò di trattare con i guanti questa nuova arrivata :)
    @Chiara: carino, vero? buona giornata e buon fine settimana.
    @Saretta: eh eh eh...ogni tanto lo dico che dovrei mettere fuori di casa un'insegna del tipo "Trattoria della sora Eugenia". Nel week end ho sempre ospiti a pranzo, chissà come mai? ;)
    Un abbraccio a tutte

    RispondiElimina