Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

martedì 9 febbraio 2010

Baci del Signore

Sono dolcetti molto fini, ideali per accompagnare il tè delle cinque. Preparati con un impasto che ricorda molto quello dei savoiardi, sono farciti con marmellata di arance e ricoperti, per metà, di cioccolato fondente. Leggo su Sale&Pepe febbraio 2010 (rivista dalla quale ho tratto la ricetta, apportando qualche personalizzazione) che questi biscottini sono tipici di Pavia e provincia e si possono trovare alla Pasticceria Vigoni, giustamente famosa per la sua "Torta Paradiso".


4 uova separate
100 g di farina
20 g di zucchero a velo
un pizzico di sale
80 g di zucchero semolato
un pizzico di vanillina
marmellata d'arance q.b.
150 g di cioccolato fondente

Montare gli albumi con lo zucchero a velo. Separatamente, battere i tuorli con lo zucchero semolato, finché il composto diventerà chiaro e soffice. Aggiungere gradualmente la farina, setacciata con il sale e la vanillina, aiutandosi con una spatola. Infine, incorporare all'impasto l'albume montato, aggiungendolo poco alla volta. Preparare 3 placche da forno, ricoperte con l'apposita carta. Trasferire la massa in una sacca da pasticceria munita di bocchetta liscia, facendo cadere l'impasto in tanti piccoli dischi ( Ø 5 cm circa), ben distanziati tra loro. Cuocere in forno a calore moderato (nel mio, funzione ventilato, a 160°C) per circa 12 minuti. Far raffreddare su griglia. Spalamare la metà dei biscotti con la marmellata d'arance e accoppiarli con quelli rimasti. Fondere il cioccolato a bagnomaria e pennellare i biscotti per metà. Lasciar asciugare.

Annota bene: bisogna fare un po' di attenzione quando si sprizzano i biscotti dalla sacca, perché l'impasto è molto morbido. Se sulla cima del dischetto rimane una specie di ciuffo, appiattirlo con un dito inumidito d'acqua.

15 commenti:

  1. Eugenia, copiati.
    Davvero molto invitanti.
    La paradiso di vignoli l'ho mangiata!!!

    RispondiElimina
  2. Ciao! li avevamo addocchiati anche noi! ti son riusciti davvero molto bene, bravissima!
    baci baci

    RispondiElimina
  3. molto invitanti, complimenti!

    RispondiElimina
  4. una bella sequenza di ricette :)

    RispondiElimina
  5. splendidi! golosi..deliziosi!

    RispondiElimina
  6. Caspiterina sono bellissimi! e non sembrano complicati... connubio vincente per me! e belle le foto
    Baci

    RispondiElimina
  7. che belli...non li conoscevo!!! ti son venuti davvero bene, sembran usciti da una pasticceria!
    bravissima!

    RispondiElimina
  8. @Lydia: Pure io mi sono comprata la Paradiso di Vigoni! Non avevo mai sentito nominare questi Baci, invece.
    A me sono piaciuti molto, anche perché il connubio arancio-cioccolato è sempre piacevole.
    @Manu e Silvia:grazie ragazze, siete sempre gentilissime. I biscottini sono molto buoni anche da soli, se gustati appena sfornati. Ve li consiglio.
    @Rayna: grazie infinite. Prova a farli, non sono difficili e ti daranno soddisfazione. Devo dire che io sono stata avvantaggiata dal fatto di avere in frigo un vasetto aperto di marmellata d'arance e questa mi è sembrata una buona occasione per consumarla.
    @Artemisia: grazie, carissima. Ricambio i complimenti: vistare il tuo blog è sempre emozionante, una continua fonte di meraviglia e stupore.A presto
    @Federica: grazie anche a te, di tutto cuore.
    @Daniela: benvenuta! I biscotti sono molto semplici da preparare e il risultato è sicuro; le dosi riportate dalla rivista sono corrette e non si hanno brutte sorprese. L'unica cosa che può sconcertare è la morbidezza del biscotto, sembra proprio un savoiardo morbido. Le mie figlie, che all'assaggio forse si aspettavano qualcosa di croccante (delle frolle normali, per intenderci) sono sbottate all'unisono: "Ma sono morbidi!", lasciando intendere una certa delusione. Invece, a parer mio, stà proprio in quella morbidezza il loro tratto caratteristico.Ora però, urge un confronto con gli originali: Pavia, aspettami!
    Se del caso, riferirò...
    Terry: ti ringrazio.Anch'io non li conoscevo anche se somigliano a certi biscotti che compravo anni fa. Quelli, però, erano dei dischi più grandi, sempre farciti di marmellata d'arance, e ricoperti interamente di cioccolato.

    Vi ringrazio con tanta gratitudine per i commenti e i complimenti

    a presto
    eugenia

    RispondiElimina
  9. Fantastici! E poichè il tè è una mia grandissima passione, li ho segnati.
    A presto! Giovanna

    RispondiElimina
  10. santinumiesantissimibaci!!!
    (mi verrà una crisi iperglicemica?!?)

    wow!...
    Passare da te, è sempre un'esperienza che mi dinamizza i succhi gastrici...eheheh...

    luciana - comoinpoesia
    .

    RispondiElimina
  11. che belli..e che buoni...si..in effetti potrebbero ricordare i Jaffa biscuit che compravo in Inghilterra..yummy!

    RispondiElimina
  12. Io mi sneto scema vado a bere il caffè da Vigoni giorno si e giorno no, mi sono appena sbafata una meringa, ma NON LI HO MAI VISTI...........

    RispondiElimina
  13. @Chiara: ciao, Chiara, bentornata!
    @Giovanna: benvenuta!
    @Luciana: eh eh eh eh... vedrai cosa arriva tra poco ;))))
    @Monika: ciao! Hai ragione, ricordano molto quelli.
    @rosanna: suvvia, non buttarti giù per così poco. Anzi, vai esplora indaga e facci sapere come sono questi biscotti! Vuoi ridere? Proprio ieri, sono capitata per caso al Carrefour di Assago ed ho trovato (comprato all'istante) delle mini tortine Paradiso di Vigoni in confezione da sei. Ad una prima impressione, le tortine mi sono sembrate di marmo, tanto era soda la crosta esterna, ma internamente erano morbide e ci ho ritrovato il caratteristico e spiccato profumo di limone dell'originale.

    un abbraccio
    eugenia

    RispondiElimina