Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

sabato 4 settembre 2010

Gelato all'Armagnac

E' un gelato ottimo, addirittura eccezionale se abbinato al crumble di prugne. La base è il mio solito gelato alla vaniglia, versione 2010, a cui si diminuisce un po' la quantità di zucchero (100 g anziché i soliti 130)e si aggiunge, quasi a fine mantecatura, dell'ottimo Armagnac, un distillato che sembra fatto apposta per unirsi in matrimonio con le prugne. Ve lo raccomando!



GELATO ALL'ARMAGNAC
400 ml di latte
1 baccello di vaniglia
4 tuorli
un pizzico di sale
100 g di zucchero
1/4 di cucchiaino di Neutrogel 30
250 ml di panna fresca
50 ml circa di Armagnac (Bas Armagnac Laubade 1981)

Scaldare il latte con i semi prelevati dal baccello di vaniglia. Lasciar riposare una decina di minuti. In una casseruolina d'acciaio battere brevemente i tuorli con un pizzico di sale e lo zucchero miscelato al Neutrogel. Versarvi sopra il latte aromatizzato, mettere sul fornello e cuocere, a fiamma debole, finché la crema velerà il cucchiaio. Ritirare dal fuoco e aggiungere a filo la panna fresca, mescolando accuratamente. Raffreddare in tempi rapidi, poi lasciar maturare la crema in frigorifero per una notte, ben coperta da pellicola. Al momento di mantecare in gelatiera, dare una passata con il minipimer, frullando a bassa velocità per almeno 30 secondi. Quando il gelato sarà pressocché pronto, unire il distillato. Noterete che , per effetto dell'alcool, l'apparato tenderà ad ammorbidirsi: niente paura, lasciate girare le pale ancora qualche minuto, poi estraete il gelato, mettetelo in una vaschetta e tenetelo in freezer per qualche ora. Al momento del servizio sarà perfetto.

4 commenti:

  1. Ma che bella ricetta, bravissima, complimenti per il blog!

    RispondiElimina
  2. grazie, maria luisa, complimenti anche a te; ho visitato il tuo blog e ho trovato tantissime ricette stuzzicanti.
    A presto!

    RispondiElimina
  3. e ma allora dillo.... anche il gelato armagnac allora non è un caso... :-))) questo adesso se non faccio non me lo tolgo più dalla testa

    RispondiElimina
  4. eheheh...devi sapere che in famiglia non beviamo quasi mai superalcoolici; le bottiglie, molte sono regali, rimangono chiuse nel mobile bar e se non ne usassi qualcuna per i dolci o altre preparazioni culinarie ci rimarrebbero per anni!
    Il gelato e' molto buono, anche perche' la base alla vaniglia e' frutto di continui aggiustamenti e piccole attenzioni. A proposito, io compro sempre le stecche di vaniglia alla Migros, Sono le piu' buone in commercio, secondo me.
    Grazie del commento
    un abbraccio

    RispondiElimina