Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

mercoledì 27 maggio 2009

Non chiamiamolo Nasi Goreng...

...oppure sì? In fondo, mi pare di aver letto, il nome significa semplicemente "riso saltato". Non tutti gli ingredienti saranno ortodossi e sicuramente mancherà qualcosa di "fondamentale", ma cosa importa? A noi è piaciuto e tanto ci basta.



per 4 persone:
200 g di riso thaibonnet
300 g di petto di pollo
400 g di gamberi già sgusciati
2 grossi cipollotti
1 spicchio d'aglio
1 manciata di fagiolini
1 pezzetto di radice di zenzero
1 stelo di lemon grass
1 cucchiaio di salsa d'ostriche
1 cucchiaino di Sambal Oelek
1 cucchiaino di triplo concentrato di pomodoro
1 cucchiaio di curcuma
salsa di soya
2 uova
sale
olio di semi

Lessare il riso; scolarlo e tenerlo da parte. Battere le due uova con un po' di sale; preparare una frittatina morbida, farla raffreddare quindi tagliarla a striscioline. Scottare, in poca acqua salata, i fagiolini; scolarli e tagliarli in due longitudinalmente. Versare un paio di cucchiai d'olio in un wok; farvi rosolare i cipollotti, tagliati a rondelle con un po' del gambo verde, lo spicchio d'aglio, il lemon grass(privato delle guaine superficiali e tagliato sottilmente) e lo zenzero grattugiato. Dopo qualche minuto, unire il cucchiaino di Sambal Oelek, la salsa d'ostriche e il triplo concentrato. Mescolare per 2', aggiungere la curcuma e, in successione, il pollo tagliato a filetti, i gamberi e i fagiolini. Cuocere rapidamente, versando qualche cucchiaio d'acqua bollente se la preparazione tendesse a diventare troppo asciutta. Completare con il riso e la salsa di soya (dosarla con giudizio e a gusto), lasciando sul fuoco qualche minuto affinché tutto si insaporisca per bene.

4 commenti:

  1. Nonostante la mia apertura mentale,sono pochissime le cose di altri paesi che cucino, non mi dispiace, ma sarà difficile per me farlo.
    Un bacione

    RispondiElimina
  2. si', si' il nome e' proprio Nasi Goreng, che vuol dire riso fritto perche' viene fatto con il riso avanzato del giorno prima. Pero' magari fosse come il tuo quello che si trova in giro per Java!
    Solitamente viene servito con dei Krupuk, anche chiamate nuvole di drago, e al posto del concentrato di pomdoro si schiaccia in un pestino di pietra un pomodoro con qualche peperoncino ed eventualmente lo zenzero.
    Se vuoi un'informazione in piu' quello che hai fatto tu e' il 'Nasi Goreng Ikan Spesial', ovvero 'riso fritto', con 'Ikan' (parola che indica sia carne che pesce) 'Spesial', ovvero 'speciale' che indica la presenza della frittata.
    Per i cipollotti sei stata davvero bravissima a mettere il verde, ma dove le trovi queste informazioni? in effetti qui i cipollotti non ci sono ma si mettono dei porri che non crescono grandi ma hanno un sapore di cipolla piu' marcato dei nostri, e siccome crescono solo piccolini e la parte bianca e' pochissima qui di solito buttano via il bianco e usano solo il verde!

    RispondiElimina
  3. Rosetta Rosetta, non sai cosa ti perdi! Capisco che la lista degli ingredienti possa sgomentare (non tutto si trova facilmente), ma sapessi che armonia di profumi e che gusto in questo piatto!
    @ Ciao, Erika. Che piacere leggere un consiglio da una persona che risiede in Indonesia. Il verde dei cipollotti lo metto sempre; l'ho imparato una quindicina di anni fa da un ristoratore asiatico. Tra l'altro, nella fretta, mi sono dimenticata di scrivere che ho usato anche uno stelo di lemon grass. Ora vado ad integrare la ricetta. Passa ancora a trovarmi!
    ciao
    eu

    RispondiElimina
  4. Ciao di nuovo!
    certo che passero' ancora a trovarti... anzi spesso! sono sempre alla ricerca di qualche bella ricettina da provare e le tue sono davvero invitanti... peccato che mi e' difficile trovare sempre tutti gli ingredienti (a parte per cose come questa s'intende!)
    Il lemongrass qui si chiama Sri e lo usano pestandolo un po' nel pestino di pietra e poi mettendolo a soffriggere nell'olio togliendolo prima dell'inserimento degli altri ingredienti (a parte per le zuppe dove si toglie alla fine)
    a presto,
    erica

    RispondiElimina