Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

lunedì 2 maggio 2016

Tagliatelle verdi con l'aglio orsino

Le tenere foglie dell'aglio orsino,  una primizia primaverile a cui non so più rinunciare, infondono un profumo incredibile alla pasta all'uovo. Questa volta l'ho condita con del semplice burro fuso, dei pinoli leggermente tostati e una spolverata di parmigiano ma credo sarebbe eccezionale con un sugo bianco di funghi porcini. Per coniugare stagionalità e sapore, in attesa dei funghi scotterò per pochi secondi, in acqua bollente salata, le ultime foglie di aglio orsino; le raffredderò in acqua ghiacciata;  le strizzerò bene e le conserverò in freezer fino al prossimo autunno. Al momento opportuno, le unirò alle uova e preparerò di nuovo la pasta per le tagliatelle.

TAGLIATELLE VERDI CON L'AGLIO ORSINO

Ingredienti per 2 o 3 porzioni 
220 g di farina 00 (Pivetti) 
25 g di foglie di aglio orsdino
2 uova
Nel food processor, frullare le uova con le foglie dell'aglio orsino, crude, precedentemente lavate e asciugate. Unire la farina e frullare per incorporarla bene. Una volta ottenuto un panetto setoso, farlo riposare anche 12h in frigo, avvolto nella pellicola. Trascorso il tempo di riposo, tirare la sfoglia e tagliarla nel formato preferito.


8 commenti:

  1. belle anche queste eugenia. qui a londra il wild garlic va a 2 sterline a mazzetto, quando abitavo in campagna ne raccoglievo a bracciate appena fuori dalla mia cucina. voglio provare. ma alla fine sanno molto di aglio oppure la sbiancatura ne smorza l'ardore? st

    RispondiElimina
  2. Buono l'aglio orsino anche se non è sempre facile trovarlo....queste tagliatelle verdi sono davvero primaverili.

    RispondiElimina
  3. Cara Eugenia, l'aglio orsino è ormai da alcuni anni una piacevole consuetudine anche per me: appena arriva la primavera, corro a raccoglierlo e lo utilizzo in tanti modi diversi. Il prossimo anno proverò di certo ad aggiungerlo alla pasta all'uovo perché non ho dubbi che sia ottimo. Grazie mille per lo spunto!

    RispondiElimina
  4. non sono un'abile ricercatrice di erbe per cui mi affiderò al mio fruttivendolo sperando di trovarlo perchè mi piace molto. Segno la ricetta, grazie !

    RispondiElimina
  5. ma che brava: le tagliatelle con l'aglio orsino, non mi sarebbe mai venuto in mente. Anch'io avrei voglia di fare una pasta fresca con qualche buona erbetta, ma non ho ancora avuto l'estro (e il tempo).
    sempre bello passare di qui

    RispondiElimina
  6. Grazie a tutte. Scusate il ritardo con cui vi rispondo ma in questi giorni sono occupata con la mia nipotina che, vivacissima, non mi lascia un istante libero. Per rispondere a Stefano, ti dirò che frullando le foglie da crude la pasta ha un aroma piuttosto intenso che però, dopo la lessatura, si attenua molto, lasciando comunque un piacevole profumo.
    Alla fine, mi sono resa conto che la pasta verde mi piace un sacco, mi sembra che doni un tocco di allegria anche al piatto più semplice. Un abbraccio a tutti!!!

    RispondiElimina
  7. un ottima idea, ho sempre voluto adoperare le foglie aglio orsino ma non ci sono mai riuscito, vengono molto bene vedo, brava, sono un ottima laternativa alla classica pasta con spinaci o rucola

    RispondiElimina
  8. la tagliatelle fanno subito festa in casa, una versione molto raffinata dovrò trovare l'aglio orsino

    RispondiElimina