Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

venerdì 15 febbraio 2008

Ravioli al radicchio e ricotta


Dosi per tre porzioni (o quattro scarse):

per la pasta
200 g di farina 00
2 uova
1 cucchiaio di semi di papavero

per il ripieno
2 bei cespi di radicchio tardivo di Treviso
2 scalogni piccoli
olio extravergine
1/2 bicchiere di vino bianco secco
200 g di ricotta vaccina
3 cucchiai di Parmigiano Reggiano grattugiato
3 cucchiai circa di fiocchi di patate *
sale, pepe del mulinello, noce moscata

per condire
una manciata di pinoli
burro
1 scalogno
grana
pepe del mulinello


Mettere i semi di papavero nel mortaio e dare loro qualche colpo di pestello. Unirli poi alla farina e preparare la pasta nel solito modo lasciandola riposare, avvolta in pellicola, per una mezz'oretta. Lavare e sgrondare il radicchio, affettarlo finemente. Mettere a soffriggere lo scalogno tritato in poco olio, unire il radicchio, lasciandolo appassire per pochi minuti; sfumare con il vino bollente e farlo evaporare. Complessivamente ci vorranno una decina di minuti di cottura e il preparato dovrà risultare ben asciutto. Travasare in una ciotola e lasciar raffreddare. Unire la ricotta, il grana, sale, pepe,noce moscata grattugiata. Per contrastare l' umidità dell'insalata e della ricotta, consiglio di aggiungere qualche cucchiaio di fiocchi di patate (il famigerato preparato per fare il puré). Confezionare i ravioli come più volte descritto e cuocerli in abbondante acqua bollente salata. Una volta cotti, condirli con del burro fatto soffriggere con uno scalogno tagliato in due (che poi si toglierà), una macinata di pepe, i pinoli tostati e grana a pioggia.

* fiocchi di patate - utili per vari usi: addensare minestre e ripieni, panare pesci, confezionare focacce e pane.


6 commenti:

  1. che belli! e che belle idee dei semi di papavero e dei fiocchi di patate

    RispondiElimina
  2. bisognerebbe fare un monumento, ai fiocchi di patate, altro che

    RispondiElimina
  3. I fiocchi di patate non li ho mai usati. Ma questi ravioli mi fanno venire l'acquolina.

    RispondiElimina
  4. l'idea dei fiocchi mi è venuta leggendo gli ingredienti su un pacco di ravioli industriali. Sono molto usati, credo per le loro proprietà di assorbire i liquidi delle verdure e, infatti, lo stratagemma funziona.
    un caro saluto
    eu

    RispondiElimina
  5. Ciao!
    Complimenti per il tuo blog..è da un pò che lo seguo.. ho giusto del radicchio da usare domani proverò questa tua ricettina..
    Io i ravioli con il radicchio li avevo mangiati conditi con burro e semi di papavero ed il gusto era davvero unico.. chissà che buono sarà nell'impasto!
    Grazie
    G@ttigher

    RispondiElimina
  6. Grazie a te, G@ttigher. Scusa per il ritardo ma solo oggi, casualmente, mi sono accorta del tuo gentile commento. A presto

    RispondiElimina