Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

martedì 26 dicembre 2017

Pappardelle al radicchio tardivo

In questi giorni a cavallo tra le varie festività, quando le dispense e i frigoriferi traboccano di prodotti alimentari, può essere interessante approfittare di una verdura di stagione, buona come il radicchio, per approntare un primo piatto veloce e gustoso. Questa ricetta, solo lievemente rimaneggiata, l'ho presa dal mensile La Cucina Italiana (novembre 1997) e posso dire che ha soddisfatto i nostri palati.
PAPPARDELLE AL RADICCHIO TARDIVO
Ingredienti per 3 persone
250g di pappardelle fresche di pasta all'uovo
200ml circa di latte fresco, intero
2 cespi di radicchio tardivo (radicchio rosso di Treviso IGP)
70g circa di pancetta tesa
1/2 cipollina
30g di burro
1 bustina di zafferano
sale
parmigiano grattugiato

Procedimento
Mettere a bollire l'acqua per la pasta. Tritare finemente la cipolla. Tagliare a striscione la pancetta, privata della cotenna. Lavare e sgrondare il radicchio; tagliarlo in una julienne non troppo sottile. Sciogliere in padella il burro; unire la cipolla e la pancetta e lasciar rosolare per qualche minuto, senza  far colorire. Aggiungere il radicchio e farlo leggermente appassire. Unire anche lo zafferano; salare con moderazione e, subito dopo, versare il latte. Portare a bollore e far addensare la salsa. Cuocere le pappardelle in acqua bollente salata e scolarle ancora leggermente al dente. Spadellarle  brevemente nel condimento e servirle cosparse di parmigiano.
Annota bene: nella versione de La Cucina Italiana venivano indicati i tagliolini. Siccome, a parere mio, questo formato ha il difetto di ammassarsi rapidamente senza rimedio, ho preferito scegliere delle pappardelle ruvide, che hanno conservato perfettamente la loro struttura.

6 commenti:

  1. le pappardelle sono un formato che adoro, danno soddisfazione specialmente se sono ruvide così raccolgono il sugo ancora meglio e questo tuo ha un aspetto assai goloso !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sottoscrivo ogni tua parola. Buon anno, carissima Chiara.

      Elimina
  2. Che bella versione di tagliatelle al radicchio, devo dire che l'aggiunta dello zafferano mi piace molto

    RispondiElimina
  3. Grazie, Gunther. Ho trovato anch'io un bell'insieme di sapori. Buon anno!

    RispondiElimina
  4. leggo solo ora... vuoi dirmi che tu hai riviste di oltre 20 anni fa?? :) .... a me ci sono voluti anni per buttare alla fine tutto quel cartaceo, che in parte mi manca, confesso... ma come dire.. alla fine non c'era più spazio... stef

    RispondiElimina
  5. Si', qualcosa ho conservato ma ne ho anche buttate una marea e non me ne pento ;-)

    RispondiElimina