Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

lunedì 26 aprile 2010

Un pollo arrosto da Oscar

Questa ricetta proviene dal quaderno di cucina di mia madre, quella nonna Laura che tanta sapienza gastronomica ha trasmesso a me e a parecchia altra gente. Il pollo, tagliato in ottavini, viene marinato per un paio d'ore in una miscela di olio extravergine, sale, pepe nero ed erbe di Provenza. Nella terrina gli fanno compagnia delle patate a pasta ferma, anch'esse tagliate in tocchi di medie dimensioni. Successivamente, si trasferisce il tutto in una pirofila ricoperta da carta forno e si cosparge con una miscela di pangrattato e parmigiano. Dopo un'oretta di forno, a 190°C, assaggerete una vera leccornia!



un pollo tagliato in ottavini
600 g di patate a pasta ferma
olio extravergine
un buon pizzico di erbe di Provenza*
sale, pepe nero del mulinello
1 cucchiaio colmo di parmigiano grattugiato
2 cucchiai di pangrattato

Lavare e asciugare accuratamente i pezzi di pollo. Pelare, lavare e tagliare a tocchi le patate. Asciugarle in carta da cucina. Disporre il tutto in una terrina, annaffiando con olio extravergine, salando e pepando e cospargendo con una generosa pizzicata di erbe di Provenza. La quantità di queste erbe è fondamentale: si devono sentire ma non devono diventare invadenti. Dare una bella rimescolata, sigillare con pellicola e tenere al fresco per almeno un'oretta. Al momento opportuno, ricoprire con un foglio di carta forno una pirofila, disporvi sopra il pollo e le patate in un unico strato, cospargere con la miscela di pangrattato e parmigiano. In forno caldo a 190°C per circa un'ora. Sulla superficie si formerà una crosticina a dir poco deliziosa e tutti faranno a gara per contendersi i pezzi più croccanti e dorati.

*Herbes de Provence: è una miscela di erbe secche provenienti dalla regione della Provenza, composta generalmente da timo, rosmarino, salvia, santoreggia, maggiorana, basilico, finocchio e menta. A volte può includere anche fiori di lavanda.

17 commenti:

  1. Scusami ,tagliare il pollo in ottavini,vuol dire a pezzi piccoli?Ciao,a presto,Lisa.

    RispondiElimina
  2. sì, Lisa, intendo tagliato in otto pezzi.
    buona giornata e grazie della gradita visita
    eugenia

    RispondiElimina
  3. che bontà e che bello a vedersi!
    ma ciò che più mi preme è di mandare un bacio a Laura, ai suoi occhi chiari mi pare, alla sua sapienza generativa, alla sua storia femminile di esperienza e trasmissione, al suo essere mamma bella ed unica,
    dalle i miei omaggi
    da me laura

    RispondiElimina
  4. carissima Laura, le tue parole sono così belle che, ne sono sicura, commuoveranno la mia mamma. Presenterò prestissimo i tuoi saluti.
    Per intanto, grazie di vero cuore.
    eu

    RispondiElimina
  5. ciao,
    è proprio bello e invitante!
    volevo chiederti - quindi la carta forno si mette sotto - sopra non lo copri e non aggiungi altri liquidi?
    Grazie

    RispondiElimina
  6. @Rayna:rimetto il commento perché avevo sbagliato il tuo nome.

    esatto, Rayna. Carta forno sotto, pollo e patate sopra. Niente liquidi, basta l'olio della marinata rimasto attaccato. Per il tempo di cottura dovrai regolarti con il tuo forno, come al solito; magari può bastare anche meno di un'ora.
    grazie
    a presto
    eugenia

    RispondiElimina
  7. Caspita, Eugenia! Anche questo mi fa girare la testa ma un polletto intero è escluso: vado di cosce...
    ciao!

    RispondiElimina
  8. è quello che ho fatto io: eravamo in tre e ho utizzato 3 belle cosce e un signor petto.
    scappo

    eu

    RispondiElimina
  9. E cosa c'è di meglio di un pollo arrosto con le patatine fatto alla perfezione! che invidia ci fai....
    un bacione

    RispondiElimina
  10. Eugenia, ho già l'acquolina... questa non posso non provarla!!!
    Ale

    RispondiElimina
  11. a tegame scoperto, vero? io tendo sempre a coprire per evitare gli schizzi ma mi sa che stavolta farei un grosso errore

    RispondiElimina
  12. @manuela e silvia: per me, il pollo arrosto con patate significa davvero cibo di conforto. Fa subito festa un cibo estratto dal forno, chissà perché.
    @Ale: ho scritto la ricetta solo dopo averla provata e dopo insistenze di mia madre, che da tempo me la raccomandava. Se l'era inventata anni fa, per utilizzare in qualche modo i sacchetti di erbe di Provenza che sempre le portavo come souvenir della Costa Azzurra. Devo dire che se è piaciuta a mio marito, famoso in casa per essere "il re del pollo arrosto", merita davvero.
    @Dede: vai tranquilla e non coprire niente o la crosticina stenterà a formarsi. Non dovrebbe esserci pericolo di schizzi o, almeno, io non ne ho avuti.

    ora mi sovviene un dubbio: e se adesso, dopo averlo tanto decantato, questo pollo non vi piacesse? No, mi rispondo, vi piacerà senz'altro, come è piaciuto a noi :)


    ciao
    eugenia

    RispondiElimina
  13. Lascia perdere i dubbi,un pollo così non può che piacere ed anche molto!Complimenti alla Nonna Laura che l'ha inventato ed alla figlia Eugenia che lo ha tramandato!!!

    RispondiElimina
  14. E' ottimo - l'ho appena fatto ed è riuscito benissimo anche se ero perplessa per la cottura. da me con il forno ventilato ci ha messo 1 ora e 10 min.
    Lo rifarò!

    RispondiElimina
  15. @annamaria: chissà come sarà felice la Laura quando le riferirò tutti questi complimenti. Le nonne (e tu lo sai molto bene) sono davvero speciali.
    @Rayna: Che piacere, che gioia! ti ringrazio tantissimo del positivo riscontro.

    a presto
    eu

    RispondiElimina
  16. Ho provato questa ricetta circa un anno fa, scovata dalla mia amica Luciana sul forum pan per focaccia, l'ho trovata strabuona e da allora l'ho ripetuta un'infinità di volte! :)
    Grazie per averla proposta, è spettacolare!
    A presto! :))
    http://www.panperfocaccia.eu/forum/viewtopic.php?f=2&t=13488&p=150260&hilit=pollo+alle+erbe+della+provenza#p150260

    RispondiElimina
  17. Assunta carissima, che soddisfazione e che emozione leggere i commenti positivi a questa ricetta. In effetti, il pollo così cucinato è proprio buono ed esce un pochino dai soliti canoni del pollo arrosto. TI ringrazio della segnalazione; peccato che non sia iscritta a quel sito (ho sempre poco tempo da dedicare al computer e non riuscirei a partecipare alla vita della community) sennò avrei lasciato volentieri un commento.Grazie mille.
    un abbraccio
    eugenia

    RispondiElimina