Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

lunedì 21 giugno 2010

Torta di compleanno di nonna Laura

Da qualche tempo, quando desidero preparare una torta farcita "vecchio stile", uso come base la ricetta del biscuit al limone di Alda, modificando lievemente la lavorazione e aromatizzando l'impasto con un paio di cucchiaiate di Limoncello d'Amalfi. Questa base è davvero ottima, morbida e fragrante, e ben si presta ad essere farcita in vari modi. Per il compleanno di mia madre ho preparato la torta in forma rettangolare e l'ho riempita con crema chantilly (sostenuta da colla di pesce) e fragoline di bosco. Come decorazione: semplice zucchero a velo, una targhetta augurale e roselline commestibili .

Per il biscuit:
3 uova intere + 1 tuorlo
un pizzico di sale
la buccia grattugiata di un limone non trattato
150 g di zucchero
100 g di olio d'oliva
200 g di farina autolievitante
2 cucchiai di Limoncello

Montare a lungo, con le fruste elettriche, le uova+il tuorlo con lo zucchero, un pizzico di sale e la rapatura di limone, fino ad ottenere una massa soffice e chiara. Abbassare la velocità e aggiungere lentamente l'olio. Quando sarà tutto incorporato, unire con delicatezza (poco alla volta) la farina autolievitante, aiutandosi con una spatola di silicone e con il solito movimento dal basso verso l'alto. Profumare con il Limoncello, mescolando accuratamente. Versare l'impasto in una teglia rettangolare 28x24cm (o in una tonda diametro 26cm), rivestita di carta forno. Cuocere a 160°C per circa 30 minuti. Far raffreddare il dolce sopra una gratella.

Per la farcia:
120 g di latte intero
mezzo baccello di vaniglia
3 tuorli
un pizzico di sale
50 g di zucchero
2,5 fogli di gelatina Paneangeli
1 cucchiaio di Limoncello
150 g di panna fresca
150 g di fragoline di bosco
poco zucchero semolato

Scaldare il latte con i semi della vaniglia. In un pentolino d’acciaio, battere i tuorli con un pizzico di sale e lo zucchero. Versare a filo il latte caldo sul composto di uova e far cuocere, a fiamma debolissima, finché la crema velerà il cucchiaio. Levare dal fuoco, aggiungere la colla di pesce, precedentemente ammollata in acqua fredda e strizzata, stemperandola per bene. Filtrare e versare in una terrina,profumando con il cucchiaio di liquore. Far raffreddare. Questo è il punto nevralgico della preparazione: occorre che la crema sia ben fredda ma non ancora rassodata, o formerà antiestetici grumi quando la si unirà alla panna montata. Montare la panna non troppo soda. Versare poco alla volta la crema nella panna, mescolando dal basso verso l'alto con l'aiuto di una spatola flessibile.

Montaggio del dolce: tagliare a metà il biscuit e pennellare le due superfici interne con una miscela di latte e limoncello (2 parti di latte e 1 di limoncello). Lavare delicatamente le fragoline di bosco con un po' di vino bianco. Scolarle benissimo e metterle ad asciugare su un doppio strato di carta da cucina. Passarle brevemente in poco zucchero semolato. Spalmare la crema sulla base e distribuirvi sopra le fragoline. Coprire con il resto del biscuit e mettere a rassodare in frigo per almeno 3 ore. Decorare con una spolverata di zucchero a velo.



12 commenti:

  1. adorabile il dolce per mamma Laura e tenerissimo il dolce per nonna Laura!
    l'accuratezza la genuinità ma su tutto l'amore grande che vi lega non può che rendere unico e inimitabile questa torta di compleanno,
    lo sai cara Eugenia quanto sei nelle mie corde..è proprio quel ritrovarmi in quella poetica del fare -lasciamelo dire così..ci sono ingredienti che attingono ad un altro tipo di dispensa vero?!
    ancora un abbraccio per Voi due per madre e figlia

    RispondiElimina
  2. un bacione, Laura, e grazie tante tante tante!

    RispondiElimina
  3. Che torta stupendamente golosa!! Grazie per la ricetta!! :-)

    RispondiElimina
  4. magnifica torta per una magnifica mamma. Lo so che lo è, ne hai parlato tempo fa e le parole che hai usato per descriverla non lasciavano dubbi. Auguri!

    RispondiElimina
  5. proprio bella, con sapore di casa e amore!

    RispondiElimina
  6. Magnifica torta, direi sfarzosa.
    E ripiena d'amore.
    Nei ricordi migliori di ognuno di noi esiste una cucina profumata ed abitata da una donna, e andiamo avanti nella vita ricordando sempre "QUEL" profumo, "QUEL"sapore,
    "QUELLA" consistenza
    Il veicolo d'amore delle donne è così spesso un piatto squisito, quante testimonianze ce ne sono in letteratura e nella realtà!
    Grazie della condivisione
    :-)
    Baci da Bologna
    Roberta

    RispondiElimina
  7. @Rosaria: grazie! Non so se ti ho già dato il benvenuto in altre occasioni, ma abbondare non guasta: ben approdata qui!
    @Dede: grazie, Dede. E' una brava mamma ma bisogna armarsi di molta pazienza per comprenderla. Per esempio, ho dovuto quasi litigarci assieme per convincerla ad andare al ristorante per festeggiare il suo compleanno.Alla fine, dopo averle chiesto perché risponde sempre "no" a tutto quello che le propongo, è scesa a più miti consigli...
    @Rayna: grazie davvero. Non sono una gran pasticcera e faccio cose molto semplici, ma metto tanto amore nel prepararle, questo sì.
    @Roberta: bellissime parole, Roberta, piene di sacrosanta verità. Ti abbraccio con molto affetto.


    Un caro saluto a tutte
    eugenia

    RispondiElimina
  8. Eu, i bimbi crescono e le mamme imbiancano (ricordi?) ma cresce anche in maniera esponenziale la pazienza che ci vuole, anche se la canzone non lo dice

    RispondiElimina
  9. La mia amica Dede, che è donna di grande spirito, è pure donna di grande saggezza :) spessissimo le mie opinioni collimano con sue, esattamente come in questo caso e poiché arrivo quasi sempre per seconda, mi limito a sottoscrivere le sue parole. Auguri a mamma Laura anche se in ritardo. Fortunata Eu e fortunata tua madre. La torta fa venire l'acquolina in bocca e la presentazione è da pasticceria.
    Ciao Eu.

    RispondiElimina
  10. @Dede: si arriva a un punto della vita in cui i ruoli di invertono: la figlia diventa madre e la madre diventa figlia. Si cerca di ricambiare (sempre in difetto, secondo me) lo stesso amore, la stessa pazienza, la stessa tenerezza che si sono gratuitamente ricevuti.
    @Ester: ben tornata, mia cara.Sono d'accordo con te: Dede è una donna di grandi qualità.Grazie per i complimenti; la torta era proprio buona anche se decorata molto spartanamente.Presenterò i tuoi auguri a mia madre e ti anticipo i suoi ringraziamenti.
    un abbraccio
    eu

    RispondiElimina
  11. auguri anche da me; torta di seduzione antica.

    RispondiElimina
  12. grazie, presentero' i tuoi auguri nel fine settimana. Un abbraccio
    eu

    RispondiElimina