Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

martedì 24 ottobre 2006

Manzo alla California

Nessun riferimento allo stato costiero statunitense. La California in questione e' una frazione di Lesmo, vicino a Monza.La ricetta è diffusa sin dall’Ottocento nell’area lariana come in altre regioni italiane.
La carne di manzo, dopo essere stata lardellata e infarinata, si rosola nel burro aromatizzato da una cipollina, si sfuma con del buon aceto rosso e si porta a cottura con l'aggiunta di latte o panna e brodo. La lunga cottura e il latte contribuiscono a rendere la carne tenerissima. E' un piatto unico se servito con una fumante polenta o un puré di patate o il tortino di patate al profumo di cumino


ingredienti per sei persone
1,2 kg di manzo (codone o scamone)
pancetta tesa dolce per lardellare
farina bianca q.b.
50 g burro
1 cipollina
1 chiodo di garofano
mezzo bicchiere d'aceto rosso
4 dl di latte caldo
qualche mestolo di brodo
1 dl di panna fresca
Steccare il manzo con i bastoncini di pancetta. Legarlo e infarinarlo. In una casseruola che lo contenga a misura, si metta un pezzo di burro e la cipolla tagliata in due, steccata con il chiodo di garofano. Quando il burro sarà spumeggiante, adagiarvi il pezzo di carne e dorarlo da tutti i lati; versare l'aceto e lasciarlo completamente consumare.Salare e pepare la carne. A questo punto io tolgo la cipolla, che ha già contribuito a lasciare i suoi profumi, e unisco, in un paio di volte, circa 4 dl di latte intero, scaldato a parte, alternando con qualche mestolo di brodo caldo. Cuocere, a fiamma bassissima, per circa 2 ore e mezzo.Quando manca un quarto d'ora alla fine cottura, togliere il codone dalla casseruola, passare il fondo con il minipimer al fine di ottenere una salsa vellutata. Rimettere la carne e unire 1 dl di panna. Far amalgamare bene e servire il manzo alla California tagliato a fette spesse, ricoperto dalla sua salsa caldissima.

2 commenti:

  1. L'ho fatto oggi, con una ricetta un po' diversa, ovvero panna invece che latte, cipolla sottile soffritta, nella quale poi ho rosolato la carne, e niente chiodi di garofano.
    Dopo la rosolatura, aceto rosso finchè sfuma, e brodo, dopo due ore un bicchiere di panna, alle 3 ore (era un pezzo da 1,9 kg) tolgo la carne, lascio asciugare un po' l'intingolo, che infine correggo con altra panna fresca. Passo tutto nel cinese, e salso le fette.
    Successone, e tanti ricordi del nonno che ce la preparava!
    PS: Complimenti per il blog
    PS2: anch'io lariano, del ramo manzoniano

    RispondiElimina
  2. Ciao! La decrizione del tuo procedimento per cucinare il manzo California mi ha ricordato come lo faceva un mio amico di Menaggio, tantissimi anni fa (almeno trenta...). Lui, come te, usava solo panna. Anche se antico, rimane sempre un gran bel piatto ma, ti sembrerà strano, mi sono accorta che molti non lo conoscono nemmeno. Grazie per i complimenti e a presto.

    RispondiElimina