Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

martedì 28 dicembre 2010

Meringata al torroncino e caffe

Questo dolce l'ho presentato in tavola il giorno di Natale e, nonostante le numerose portate che l'avevano preceduto, è stato molto apprezzato per il gusto e la raffinatezza. Mia madre ed io, guardandoci negli occhi, ci siamo rivolte le solite mute domande di cui conosciamo in anticipo la risposta: "Se l'avessimo comprato in pasticceria quanto ci sarebbe costato? sarebbe stato altrettanto buono e genuino? ". Davvero non occorre una grande perizia nel confezionare questa meringata; basta solo un po' di pazienza e di sangue freddo (non fate come me che, mentre cercavo di sprizzare il torroncino dalla sacca, mi si è tappato il foro del beccuccio, a causa di un pezzetto di torrone non perfettamente polverizzato e, tra le imprecazioni, ho dovuto svuotare tutto e ricominciare con una sacca nuova) e vedrete che il risultato sarà sorprendente. La ricetta la trovate sul numero di dicembre 2010 della Cucina Italiana, il mio mensile di gastronomia preferito.
Buon anno a tutti!
per la meringa al caffè:
120 g di albume
120 g di zucchero semolato
125 g di zucchero a velo
4 g di caffè solubile
un pizzico di sale

per il semifreddo al torroncino:
400 g di panna fresca
200 g di torrone friabile alla mandorla (Sperlari)
150 g di cioccolato fondente

Preparare la meringa cominciando a cuocere, in un pentolino, lo zucchero semolato con qualche cucchiaio di acqua; quando avra' raggiunto i 110°C, versarlo a filo sugli albumi che si saranno già cominciati a montare con il pizzico di sale. Continuare a battere con le fruste elettriche e, contemporaneamente, aggiungere il caffè solubile, dopo averlo passato da un setaccino. Frullare fino a quando il composto si sarà raffreddato, poi unire lo zucchero a velo, fatto scendere da un setaccino e incorporato, poco alla volta, con l'aiuto di una spatola, procedendo con grande delicatezza. Prendere due fogli di carta forno,disegnarvi sopra con il pennarello due cerchi (Ø cm 21)Girare i fogli e posare ciascuno su una placca da forno. Mettere la meringa in una tasca da pasticciere munita di bocchetta seghettata e, partendo dal centro, coprire tutta la superficie dei dischi disegnando due spirali. Riporre la meringa rimasta in frigo e cuocere le due spirali in forno a 60°C per circa 4 ore (la rivista consiglia 2 ore ma, secondo il mio forno, sono insufficienti). Nel frattempo, spezzettare il torrone e frullarlo con il robot fino a ridurlo in polvere, poi unirlo alla panna, montata. Incorporare il tutto alla meringa al caffè tenuta da parte. Versare il preparato in una tasca da pasticciere munita di bocchetta liscia. Disporre un anello regolabile (Ø cm 20, h cm 7) su un doppio foglio di carta forno; fare un primo strato con il torroncino sprizzato dalla tasca. Fondere il cioccolato a bagnomaria, travasarlo in un conetto di carta e coprire il primo strato con una fitta griglia di cioccolato. Continuare con altri due strati, terminando con il cioccolato. Mettere il cerchio in freezer per 3 ore, bene avvolto in pellicola. Estrarlo a tempo debito, liberarlo dall'anello e rinchiuderlo tra i due dischi di meringa. Rimettere tutto in freezer per 1 o 2 ore. (io lo preparo il giorno prima e inserisco tutto in uno stampo a cerniera mobile Ø 22 cm). Estrarre il dolce dal freezer una decina di minuti prima del servizio e decorarlo a piacere.






19 commenti:

  1. Che meraviglia di ricetta! Grazie, Eugenia. Io proverei anche a farla, ma mi ci vedi con tutta la prole a schizzare meringa al caffé per tutta la cucina? :)
    No, scherzo. Ho giusto gli albumi rimasti dall'insalata russa che mi aspettano pazientemente in frigo. Mi hai dato un'idea deliziosa. Ehm, confessione: ma lo sai che ho ancora le ultime tre riviste incellofanate sul comodino? °° Sono o non sono un caso disperato?
    Un bacio ed un abbraccio a tutti voi da Biagràs, con affetto

    RispondiElimina
  2. Laura, cosa ci fai a Biagràs? Lo sai che a Morimondo c'è la tradizionale mostra dei presepi? E' una cosa favolosa da far vedere ai bambini.
    tra le cose che avevo scritto sul tuo blog e che il computer si è mangiato c'era anche l'avventura dell'insalata russa, piatto fisso del menu natalizio. Mia mamma non ci sa rinunciare e mi aiuta lessando separatamente carote, patate e piselli - per colmo di perfezione, ho notato che toglie anche l'anima alla carota ;). A me tocca preparare la maionese e quest'anno ho rischiato grosso perché, dopo aver usato ben quattro tuorli (ne dovevo preparare una coppa anche per il mio futuro genero e la sua famiglia)mi era rimasto un solo uovo disponibile. Per lunghi attimi mi è sembrato che la maionese non volesse montare e già mi vedevo bussare di casa in casa per elemosinare qualche uovo, ma era solo la stanchezza che mi faceva fare il gufo.Fortunatamente, tutto si è risolto bene e l'insalata russa ha avuto il suo posto d'onore sul desco familiare. Non ti parlo della litigata che ho fatto con mia mamma a causa dei ravioli e della loro confezione; sarebbe come scoprire troppi altarini!
    Ti auguro un felicissimo anno e ti abbraccio con tanto affetto

    RispondiElimina
  3. Eugenia, bellissima ricetta! Ma secondo te, visto che non mi piace il caffè, potrei sostituirlo con del cacao?!? Beh, non si chiamerebbe più "meringata al torroncino e caffè" ma credo che sarebbe comunque buona :-)
    Grazie e buon anno!!!

    RispondiElimina
  4. questa ricetta te la copio!
    ero alla ricerca di qualcosa di buono e ricercato da portare da amici per l'ultimo dell'anno, pensavo a una pavlova, ma dato che non è stagione di frutti di bosco, penso che questa sia la soluzione!
    la domanda è: perché me la sono persa su la cucina italiana?

    comunque complimenti, ti è venuta benissimo!

    ne approitto per farti gli auguri di buon anno!

    RispondiElimina
  5. @Ale: l'idea del cacao mi sembra ottima: ci vuole un po' di amaro che contrasti con la dolcezza del ripieno al torroncino.Sappimi dire.
    @Gaia: la ricetta e'a pag.111 ma la foto che la correda non e' un gran che (sopra la meringata ci sono degli spuntoni di panna decorati con un pezzetto di albicocca secca che a me ricordano dei paperotti) ed e' probabile che ti sia sfuggita.
    Vi ringrazio dei gentili commenti e vi auguro un favoloso 2011!
    a presto

    RispondiElimina
  6. carissima Eugenia la meringata è sempre stata sulla vetta delle mie preferenze e questa tua versione al caffè è veramente degna di un pranzo importante! carissima sono passata a fare a te ed ai tuoi cari i miei auguri per uno splendido 2011, pieno di felicità e salute...un bacione

    RispondiElimina
  7. Eugenia che spettacoloooo!!!!
    Mai provato a fare una meringata eppure ne vado matta e questa mi attira proprio!
    Un Meraviglioso 2011 che sia ricco e ti regali tanta serenità!
    Sonia

    RispondiElimina
  8. @Chiara: ricambio gli auguri di prospero e felice anno nuovo. Un abbraccio affettuoso
    @Sonia: mille grazie. Un augurio di buon anno nuovo e che il 2011 realizzi tutti i tuoi sogni.
    Ad maiora!

    RispondiElimina
  9. Happy New Year ♥
    Moltissimi Auguri
    per uno splendido 2011

    RispondiElimina
  10. una bella meringata mi paice molto il sapore del caffè i miei migliori auguri di Buon Anno 2011

    RispondiElimina
  11. L'insalata russa era divina....
    E devo dire che anche la torta era molto buona.

    RispondiElimina
  12. @Stefania
    @Gunther
    @Matteo
    scusate il ritardo. vi ringrazio tantissimo e vi auguro un nuovo anno splendido e ricco di opportunità.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  13. mangiarla, sarebbe sublime...
    farla...sogno irrealizzabile
    chapeau ai grandi chef come te!!!

    RispondiElimina
  14. grazie, sei davvero gentile. Non e' difficile preparare la meringata ma devo dire che se non avessi, ormai da parecchi anni, una planetaria, probabilmente non mi sarei mai sognata di fare questo e molti altri dolci.
    a presto

    RispondiElimina
  15. questo dolce lo voglio provare..lo metto subito il lista. Grazie!!!

    RispondiElimina
  16. wow...io arrivo con 2 anni di ritardo, ma ho trovato ora questa ricetta e...non posso resistere, la voglio fare! Copio tutto passo passo e poi ti faro' sapere!
    Grazie mille!

    Ne approfitto anche per farti gli auguri di un felice e sereno Natale!
    a presto
    Paola

    RispondiElimina
  17. Paola, ti ringrazio e ricambio di cuore gli auguri di buone festea te e alla tua famiglia. Rileggendo la ricetta, volevo consigliarti di sciogliere il caffe' solubile direttamente nello sciroppo di acqua e zucchero che poi verra' versato sugli albumi. Molto piu' facile che stare li' a setacciarlo.
    Un abbraccio
    Eugenia

    RispondiElimina
  18. Ciao Eugenia, avevo salvato questa ricetta da un po' e finalmente ieri l'ho fatta. Purtroppo non ho trovato il torrone e l'ho sostituito con croccante di mandorle, ma il risultato è stato ugualmente delizioso ed è stato apprezzato da tutti. Grazie per la bella ricetta.
    Stefania

    RispondiElimina
  19. Ciao, Stefania, grazie mille per avermi fatto partecipe del tuo risultato. E' sempre una gioia sapere che le ricette pubblicate vengono poi replicate da altri amici. Mi sa che presto rifaro' questo dolce; gli uomini di casa amano la meringata!

    RispondiElimina