Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

lunedì 15 ottobre 2007

Frittata di albumi ai gamberi


L'idea me l'ha data Paula, forumista di Altrotempo, che ringrazio di cuore. Una frittata di soli albumi, colorata dal curry e arricchita da gamberi. La consiglio.


Per 1 o 2 persone
tre albumi
una decina di gamberi
2 grossi cipollotti
pochissimo olio extravergine
1 cucchiaino di curry
sale

Affettare i cipollotti con parte del gambo verde, farli stufare in poco olio e qualche cucchiaio di acqua bollente. Quando saranno morbidi, unire i gamberi, sgusciati e tagliati in due o tre pezzi, lasciarli sul fuoco per un minuto, salare (poco) e profumare con la polvere di curry. Amalgamare accuratamente e lasciar raffreddare. Mettere gli albumi in una bacinella, sbatterli brevemente con i rebbi di una forchetta, condirli con un pizzico di sale e il soffritto di gamberi. Ungere una padella antiaderente con un velo d'olio, scaldarla sulla fiamma del fornello, versare il miscuglio e cuocere come una normale frittata.

4 commenti:

  1. mi sembra un'idea geniale. d'altra parte, non me ne sorprendo.
    Brave entrambe

    RispondiElimina
  2. grazie, dede. Come dice Freya: "Che mai faremmo senza il Generale Paulton?".Io non ci sarei mai arrivata.

    RispondiElimina
  3. Idea geniale, davvero.
    Ma la curiosità mi rode: che ne hai fatto Eugenia dei tre tuorli?
    sandra

    RispondiElimina
  4. In origine erano quattro uova: quattro tuorli mi sono serviti per il gelato alla vaniglia, tre albumi sono andati in frittata e il quarto l'ho usato come collante, per far aderire le etichette ai vasetti dell'accademica marmellata di peperoncini. Un bacione

    RispondiElimina