Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

martedì 19 aprile 2011

Charlotte di fragole 2011

Questa è una ricetta che potrebbe essere molto adatta a concludere il pranzo pasquale ed è la rielaborazione della charlotte fatta l'anno scorso. Si prepara abbastanza rapidamente, ha un buonissimo sapore e fa una discreta scena.


Per 6-8 persone
Per la crema chantilly:
4 tuorli
115 g di zucchero
400 ml di latte fresco
3/4 di baccello di vaniglia
un pizzico di sale
4 fogli di gelatina Paneangeli
200 ml di panna fresca


Per la bagna: 50 g di acqua, 25 g di zucchero, 1/2 bicchiere di Kirsch Scaldare acqua e zucchero fino a quando sarà tutto ben disciolto. Far raffreddare; unire il Kirsch.

una confezione e mezza di savoiardoni sardi
400 g di fragole
2 cucchiai di zucchero
qualche goccia di limone

per guarnire:
300 ml di panna fresca
2 cucchiai di zucchero a velo
fragole q.b.

Mettere ad ammorbidire i fogli di gelatina in acqua fredda per una decina di minuti. Preparare la crema inglese: scaldare il latte con i semi estratti dal baccello di vaniglia. Nel frattempo, mescolare brevemente i tuorli con lo zucchero e un pizzico di sale. Versarci sopra il latte caldo, mettere su fuoco moderato e far cuocere la crema fino a quando velerà il cucchiaio (non deve assolutamente bollire). Levare dal fuoco e incorporare la colla di pesce, strizzata ed asciugata. Mescolare accuratamente e porre a raffreddare dentro un bagnomaria ghiacciato, mescolando di tanto in tanto. Quando la crema avrà preso consistenza e sarà completamente fredda, batterla brevemente con la fruste a mano, tanto per renderla fluida e versarla, poco a poco, nella panna semi-montata, mescolando con cura e con il solito movimento dal basso verso l'alto. Preparare una bacinella contenente la bagna al Kirsch. Lavare le fragole in acqua e vino bianco; asciugarle in carta da cucina, ridurle a dadolini. Metterle a marinare, per un quarto d'ora, con un paio di cucchiai di zucchero e qualche goccia di succo di limone. Tappezzare uno stampo da charlotte (diametro 18cm-capacità 1,5 litri)con della pellicola per alimenti. Tagliare i savoiardi a misura dello stampo; immergere ,per un secondo, la parte concava dei savoiardi nella bagna al Kirsch, rivestendo con essi le pareti dello stampo, avendo cura di mettere la parte bombata a contatto con la parete. Versare un primo strato di chantilly, coprire con 1/3 delle fragole, proseguire fino ad esaurimento ingredienti, chiudendo con la chantilly. Coprire con i savoiardi tagliati a misura, sigillare con pellicola e conservare in frigo per una notte. Al momento di andare in tavola, versare la panna fresca, mescolata con lo zucchero a velo, nel sifone. Sformare la charlotte su un piatto di portata, decorarne la cima con un ciuffo di panna montata e delle fragole tagliate in due. Decorare intorno alla base con altri ciuffi di panna montata e fragole.

9 commenti:

  1. Bella davvero, e primaverile.
    Mi sta venendo voglia di accostare questo bel dolce alla colomba...

    RispondiElimina
  2. mmmm superlativa Eugenia!!! La voglio provarte e Vorrei provare a fare la chantilly nel sifone....!!

    RispondiElimina
  3. Bellissima e chissa' che buona!!!! Mi sa che te la copio!!!! :-)

    Un abbraccio
    PAola

    RispondiElimina
  4. bellissima questa charlotte, squisita e di effetto!

    RispondiElimina
  5. @arabafelice: anch'io sto meditando sullo stesso tema ;)
    @sonia: mi sembra un'ottima idea, fammi sapere se il risultato è stato soffisfacente. Io ho ancora qualche difficoltà nel mantenere stabile la spuma per più di cinque minuti (se esagero con la gelatina, non riesco a sifonare)
    @piccoLina: grazie mille, Paola.
    @Gaia: come per il semifreddo alla ricotta, per problemi di celiachia è possibile sostituire i savoiardi con un pan di Spagna fatto con la fecola (vedi, ad esempio, la torta Beatrice).

    Grazie a tutti. Ne approfitto per augurarvi una serena e santa Pasqua.

    RispondiElimina
  6. Provata per Pasqua: perfetta, cremosa e delicata, ha ottenuto gran successo! Grazie

    RispondiElimina
  7. Ciao Eugenia,con cosa posso sostituire il kirsch?
    Lo stampo va bene quello da zuccotto?

    Ciao e grazie mille.

    Pimpi

    RispondiElimina
  8. bellissimo da vedere e sicuramente eccezionale anche da mangiare!!=)
    complimenti come sempre!!=D

    RispondiElimina
  9. Ciao e complimenti per il blog!! Ti scrivo per informarti che sto organizzando un contest sul mio blog e mi piacerebbe che tu partecipassi!! Se ti va vieni a vedere qui: http://myart-robertomurgia.blogspot.com/2011/05/cook-with-my-art.html#.TdlKeVtAIXA
    Ciao e grazie
    Roberto

    RispondiElimina