Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

mercoledì 2 luglio 2008

Spaghetti ai peperoncini verdi

Qualche tempo fa, una gentile signora (con occhialoni alla Jackie O e tubino nero-ndr)di un forum che frequento, chiedeva un suggerimento su come usare dei peperoncini verdi dolci. Mi è subito tornato alla memoria una ricetta che preparavo qualche anno fa, presa da una rivista di cucina (forse A Tavola, ma non ci giurerei) e un poco modificata. L'ho riproposta sabato sera, ricevendo molti complimenti dal marito. Mi sembra una pasta molto adatta alla stagione estiva; con il suo sapore stuzzicante risveglia gli appetiti un po' infiacchiti dal gran caldo.


Per due persone:

160 g di spaghettini nr.11 De Cecco
10 peperoncini verdi dolci
2 cucchiai di capperi salati di Pantelleria
1 ciuffo di prezzemolo
6 falde di pomodoro secco sott'olio
1 spicchio d'aglio
olio evo quanto basta
sale
un pizzico di peperoncino (facoltativo)

Dissalare i capperi, asciugarli e tritarli grossolanamente. Tritare anche il prezzemolo e i pomodori secchi.Mettere il tutto in una ciotolina con del buon olio extravergine di oliva e lasciare insaporire per una decina di minuti.In una larga padella far soffriggere con poco olio lo spicchio d'aglio. Aggiungere i peperoncini, lavati, privati dei semi e dei filamenti bianchi, tagliati a striscioline. Farli appassire per una decina di minuti, mantenendoli un po' al dente e salandoli il giusto. Gettare gli spaghetti nell'acqua bollente salata, facendoli cuocere per il tempo indicato sulla confezione. Scolarli e trasferirli nella padella dei peperoncini. Unire la salsetta aromatica. Dare un'ultima mescolata, spegnere il fuoco e versare il tutto in un piatto di portata caldo.Volendo, si potrà aggiungere un pizzico di peperoncino tritato.


3 commenti:

  1. Gli spaghettini..non ho presente il n 11 penso siano fini fini vero?
    Un suggerimento ad una imbranata sul dissalare i capperi?
    Io li metto in acqua e poi li passo sotto il rubinetto..però li trovo sempre salati..che altro devo fare?
    Grazie

    RispondiElimina
  2. ciao, Michela. Gli spaghettini nr.11 della De Cecco sono uno dei loro formati più sottili (ne esistono altri ancora più fini: i Fedelini 10 e i Capellini 9). Per quanto riguarda i capperi,siccome riscontravo anch'io il tuo problema (magari per noi è un problema, per altri un pregio) dell'eccessiva sapidità, ho messo a punto questo metodo: metto a bollire poca acqua; nel frattempo risciacquo i capperi sotto acqua corrente. Li getto nell'acqua a bollore, spengo il fornello, lascio 3 minuti. Scolo, risciacquo di nuovo e li metto a mollo in una tazza colma d'acqua fresca. Dopo pochi minuti sono pronti. Avevo chiesto un parere su questo procedimento in un forum che frequento, ma nessuno ha saputo dirmi se l'intervento dell'acqua bollente peggiora la qualità dei capperi. Pertanto, io proseguo sulla mia strada.
    un abbraccio
    eu

    PS sul sito MangiareBene consigliano, per dissalare i capperi, di metterli a mollo per qualche tempo nel vino bianco e immergerli, successivamente, in un po' d'olio.Questo metodo permetterebbe al sale di sciogliersi bene e ai capperi di mantenere intatto il loro sapore originale. Da provare!

    RispondiElimina
  3. Grazie Eugenia..effettivamente con l'acqua calda come faccio anche io ora non mi piacciono tant..però metterli nel vino e poi nell'olio non mi attira molto, forse sbaglio.
    Proverò nuovamente entrambi i metodi.
    Il tuo mi sembra efficace.
    Altrimenti torno ai capperi sottaceto.

    RispondiElimina