Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

mercoledì 26 marzo 2008

Frittata con l'erba di san Pietro

L'erba di S.Pietro (balsamita) è una pianta perenne originaria dell'Asia ma presente nell'Europa meridionale fin dall'antichità. Nel Medio Evo era coltivata per le sue proprietà medicinali e per l'uso in cucina, oggi è poco utilizzata. Ha foglie oblunghe con margini dentati che, strofinate, emanano un lieve sentore balsamico, somigliante al profumo della menta e del limone. Il suo nome potrebbe derivare dal fatto che fiorisce verso la fine di giugno, in prossimità della festa di S.Pietro. In America è conosciuta come Bible Leaf , poiché pare che i primi coloni usassero le foglie di quest'erba come segnalibro nella Bibbia.Ce l'ho in giardino da un paio d'anni e questa è la stagione più propizia per utilizzarla nelle frittate, dato che le foglie sono tenerissime.



Per quattro persone occorreranno:
6 uova grandi
una quarantina di tenere foglie di erba di san Pietro
3 cucchiai di Parmigiano Reggiano grattugiato
sale, pepe, profumo di noce moscata
un cucchiaio d'olio

Lavare e asciugare le foglie di erba di san Pietro. Togliere loro il gambo e la costola centrale (sono un po' coriacei). Battere brevemente le uova, condirle con sale, pepe, noce moscata e grana. Aggiungere le foglie, dare ancora una mescolata e cuocere in padella antiaderente ben calda e unta con un goccio di olio d'oliva.
NB io ho usato mezza dose, la frittata era per due persone.


7 commenti:

  1. Bellissima frittata e certamente ottima!Io uso le erbe che trovo qui,carletti,bruscandoli o tagliatelle delle Madonna e le faccio esattamente come te.Trovo che le erbe di campo, spontanee quindi,siano straordinarie e molto versatili:si prestano benissimo anche per risotti profumati e gustosi,con la primavera dentro...

    RispondiElimina
  2. Buone le frittate! non conosco l'erba di S. Pietro e come Annamaria uso bruscandoli e carletti (grande profusione di questi nella campagna novarese e nel nostro campo in particolare). Buonissimi i risotti e le minestre, per esempio di carletti e patate.
    In questo perodo il mercato di Rialto, come, sono convinta, quello bellissimo di Padova, ha banchi stracolmi di queste erbe di campo.

    RispondiElimina
  3. ecco un'altra ricetta per usare l'"erba della Madonna" come la chiamano dalle parti di mantova, la prossima gita dai nonni saccheggerò l'orto! si è inselvatichita ovunque.
    Ma quanto mi piacciono le tue ricette, saluti golosi cat

    RispondiElimina
  4. i carletti, come li chiamate voi, li raccoglievo nei prati quando abitavo al lago. Erano l'indizio sicuro dell'arrivo della primavera. I bruscandoli non li ho mai visti. Cat, grazie per la visita e i complimenti. Metterò il tuo link tra i miei preferiti; mi piace molto l'argomento erbe spontanee e giardino.
    un caro saluto
    eu

    RispondiElimina
  5. Io le foglie di erba di san pietro frittate meravigliose vi assicuro,anche polpettine di verdure,minestre!!!non conosco i carletti?

    RispondiElimina
  6. Io le foglie di erba di san pietro frittate meravigliose vi assicuro,anche polpettine di verdure,minestre!!!non conosco i carletti?

    RispondiElimina
  7. Ciao, Milena, benvenuta, I carletti sono il nome popolare della silene vulgaris, una pianta che si trova in tutti i prati e che, a maturazione, produce i caratteristici fiori a calice che, se schiacciati, scoppiettano. Della silene si usano le foglie più' tenere, che si colgono all'inizio della primavera.

    RispondiElimina