Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

mercoledì 8 novembre 2017

Favolosi brownies marmorizzati al Philadelphia (Eric Lanlard's cream cheese brownies)

L'altro giorno stavo sfogliando il numero di ottobre del magazine Delicious e… zàcchete, mi balza agli occhi la foto ammiccante di una teglia colma di brownies marmorizzati. Letta la ricetta, comprati gli ingredienti, mi sono messa all'opera. Risultato ottimo. Un insieme di sapori delizioso, dove risalta, in sottofondo, il caldo aroma del caffè. Da aggiungere senz'altro all'elenco delle ricette da ripetere.

BROWNIES MARMORIZZATI AL PHILADELPHIA 
da una ricetta di Eric Lanlar, lievemente modificata



Per l'impasto brownies
150g di burro
200g di cioccolato fondente (ho usato Valrhona Caraibe 66%)
250g di zucchero semolato (ne ho messi 230g)
1 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia
un pizzico di sale
3 uova
100ml di caffè espresso (ho fatto 2 caffe' con le capsule Nespresso Ristretto)
100g di farina 00
1/2 cucchiaino di lievito per dolci (mia aggiunta)

Per l'inserto marmorizzato
150g di formaggio Philadelphia classico
60g di zucchero semolato
1 uovo
1 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia

Procedimento
Imburrare una teglia rettangolare 24x34cm e rivestirla di carta forno. Preriscaldare il forno a 180°C. Sciogliere (a bagnomaria o nel MO) il burro e il cioccolato, tagliato a pezzetti. Far intiepidire la miscela poi aggiungere lo zucchero, le uova, la vaniglia e un pizzico di sale, mescolando con un cucchiaio di legno o con il frullino elettrico. Incorporare il caffè e aggiungere la farina, setacciata con il lievito, mescolando brevemente. Versare l'impasto nello stampo preparato. Per l'inserto marmorizzato, battere con il frullino elettrico il formaggio Philadelphia finche' diventerà soffice. Unire lo zucchero, la vaniglia e l'uovo, frullando brevemente. Versare a cucchiaiate  sull'impasto messo nello stampo e, con la lama di un coltello, fare dei ghirigori per creare l'effetto marmorizzato. Mettere in forno caldo e cuocere per 30 minuti. Se durante la cottura dovesse brunirsi la superficie (a me non e' successo), coprire con un foglio di alluminio negli ultimi 10 minuti.


giovedì 2 novembre 2017

Pere allo zafferano

Spesso, dopo un pasto sostanzioso, si desidera gustare un dessert non troppo calorico. Le pere cotte in questo aromatico sciroppo allo zafferano, oltre ad assumere uno splendido colore dorato, regalano una gamma di sapori intensa e piacevole, un po' fuori dai soliti schemi.

PERE ALLO ZAFFERANO
adattamento di una ricetta di Vivek Singh


Ingredienti per 4 persone
4 pere Williams (non troppo mature)
600ml di acqua
200g di zucchero semolato
un generoso pizzico di fili di zafferano
5cm circa di stecca di cannella
5 baccelli di cardamomo verde
2 stelle d'anice 

Procedimento
Preparare lo sciroppo allo zafferano mettendo in una pentola l'acqua, lo zucchero, i fili di zafferano, la cannella, il cardamomo e le stelle d'anice. Portare ad ebollizione, mantenendola per 5 minuti. Nel frattempo, sbucciare le pere, lasciando i gambi. Immergere la frutta nello sciroppo; abbassare la fiamma; coprire con il coperchio e cuocere per circa 20 minuti, fino a quando le pere saranno morbide ma con ancora una certa consistenza. Estrarle dal liquido con un ramaiolo e depositarle (in piedi) in un pirex. Alzare la fiamma sotto la pentola e far ridurre il liquido per circa 15 minuti. Versarlo sopra le pere e far raffreddare. Mettere in frigo e lasciar riposare almeno 8 ore, per permettere agli aromi di svilupparsi pienamente. 

Annota bene: Togliere le pere dal frigo almeno mezz'ora prima di servire il dessert, riportandole a temperatura ambiente. Si abbinano bene con un gelato alla vaniglia o a una cucchiaiata di panna acida o di yogurt greco.

lunedì 30 ottobre 2017

Arayes

Durante le vacanze estive, mi è capitato di andare a cena in un elegante ristorante libanese di Cannes. L'esperienza è stata così gratificante per il palato che, tornata a casa, mi sono subito messa alla ricerca della ricetta di un antipasto per me squisito: le arayes, sfoglie di pasta di pane sottilissime in cui è racchiuso un ripieno di carne leggermente speziata. In alcuni siti ho trovato come indicazione di usare il pane pita ma, fatta una prima esperienza, non ne sono rimasta soddisfatta. In verità, nemmeno con l'uso delle piadine ho ottenuto un risultato completamente soddisfacente ma bisogna fare di necessità virtù. Probabilmente, in quelle gustate al ristorante, il cuoco preparava da sé una pasta di pane stesa sottilissima e non escludo che, in un prossimo futuro,  possa cimentarmi anch'io in questa versione. La carne usata è stata il manzo ma sarebbe più filologicamente corretto adoperare del trito di agnello. 
ARAYES (ricetta libanese)


Ingredienti per 4 persone, se considerato antipasto
Ripieno:
200g di carne di manzo, macinata
15g di cipollotto, tritato finissimo
mezzo spicchio d'aglio, piccolo, tritato finissimo
1 piccolo pomodoro (80g), tritato a cubetti il più possibile piccoli
un ciuffo di prezzemolo, tritato
1 cucchiaio scarso di succo di limone
sale q.b.
una macinata di pepe
un pizzico di pepe di Caienna
un pizzico di cumino, in polvere
un pizzico di coriandolo, in polvere
un pizzico di Garam Masala

2 piadine, grandi

Procedimento
Mettere tutti gli ingredienti del ripieno in una terrina. Mescolarli intimamente con le mani,  con grande cura. Far riposare la carne, così aromatizzata, in frigo per 30 minuti. Prendere una piadina, spalmarla con la farcia. Coprire con l'altra piadina e premere bene per far aderire le parti. Pennellare la superficie con poco olio d'oliva. Con l'aiuto di un tagliapizza, tagliare in 4 spicchi. Cuocere in forno caldo a 200°C per 20'. 



Pennette ai 5 cereali con broccoletti e salsiccia

La ricetta di oggi è molto veloce ma, se eseguita bene, regolando con attenzione la sapidità, dà grande soddisfazione. Gli ingredienti sono economici e reperibili ovunque, quindi annotatela sul vostro quadernetto delle ricette salva-pranzo o cena. Ovviamente, la scelta del formato di pasta è a discrezione. Immagino verrebbe ottimamente con le orecchiette fresche.
PENNETTE AI CEREALI CON BROCCOLETTI E SALSICCIA
Ingredienti per 3 persone
210g di pennette ai 5 cereali
150g di salsiccia a nastro
1/2 scalogno, tritato
vino bianco secco, q.b.
broccoletti
olio extravergine di oliva q.b.
ricotta salata q.b.

Procedimento
Mondare i broccoletti tenendo solo le infiorescenze. Lavarli con cura e scottarli, per 5 minuti, in acqua bollente salata.
A parte, in un saltapasta, far sudare per 5 minuti lo scalogno e un filo d’olio. Trascorso questo tempo, unire la salsiccia, privata del budello e ridotta a bocconcini. Quando sarà uniformemente rosolata, sfumare con due dita di vino bianco secco. Evaporato il vino, aggiungere i broccoletti e saltarli per qualche minuto, facendoli bene insaporire. Nel frattempo, lessare al dente la pasta. Scolarla; unirla al condimento e farla saltare per un minuto, unendo eventualmente un po’ di acqua di cottura. Lucidare con un altro filo d’olio. Servire nei piatti caldi, guarnendo con una nevicata di ricotta salata.

giovedì 26 ottobre 2017

Rocher ai due cioccolati

Nell'ampia gamma dei dolcetti da fare in poco tempo e con la massima soddisfazione si inseriscono di diritto questi rocher ai due cioccolati. La componente croccante del riso soffiato e l'aromaticità delle mandorle tostate si accompagnano bene alla massa profumata del cioccolato.

ROCHER AI DUE CIOCCOLATI

200g di cioccolato al latte
100g di cioccolato fondente al 54,5% di cacao
50g di riso soffiato
45g di mandorle, spellate, tagliate a filetti e leggermente tostate

Sciogliere a bagnomaria o nel microonde (circa 4' a 500W) il cioccolato ridotto a pezzetti. Aggiungere il riso soffiato e le mandorle e mescolare bene per rivestirli uniformemente. Con l'aiuto di un cucchiaino, formare tante piccole palline che andranno depositate su della carta forno. Lasciare rassodare i dolcetti in frigo per un'ora. Disporli nei pirottini di carta e servirli subito. Si conservano per una decina di giorni, in frigo, chiusi in un contenitore di vetro a chiusura ermetica (ottimi quelli Ikea).