Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

martedì 26 agosto 2008

Baccalà con cipolla, uvette e mandorle

Non so se succede anche a voi, a me capita ogni volta, ma quando torno da un viaggio mi prende, immancabile, il desiderio di cucinare un qualche piatto gustato nel luogo di villeggiatura. E' un modo di prolungare il ricordo dei bei giorni sereni appena trascorsi, ritrovando sapori, colori e profumi insoliti sulla tavola domestica. Dopo un soggiorno a Tenerife, l'isola maggiore dell'arcipelago delle Canarie, ho voluto cimentarmi con questa pietanza, ordinata in un localino di Icod de los Vinos, antico centro abitato famoso per i vitigni pregiati, le piantagioni di banane e la colossale Dracena millenaria, vero prodigio della natura per le dimensioni titaniche. Si tratta di un baccalà, cotto separatamente, unito ad un intingolo di cipolle lungamente stufate, uvette e mandorle. Il tutto tinto con del colorante alimentario, una polvere di un vivo arancione che viene venduta in ogni negozio delle isole ed è impiegata in particolar modo nella paella; io l'ho sostituito con della curcuma.

Per due persone:
4 piccoli pezzi di baccalà già dissalato
1 cucchiaiata di farina di grano duro
1 cucchiaiata di semolino
2 cipolle dorate
olio extravergine
1 manciata di uva sultanina
sale
1 cucchiaino abbondante di curcuma
1 cucchiaiata di mandorle spellate

Far bollire dell'acqua in un tegame, spegnere il fornello e immergervi i pezzi di baccalà. Lasciarli nell'acqua calda per 5 minuti, scolarli e metterli ad asciugare su della carta da cucina, tamponandoli bene. Infarinarli in una miscela di farina di grano duro e semolino, scuoterne l'eccedenza e dorare i pezzi di pesce in olio caldo, cominciando dalla parte senza pelle. Occorreranno pochissimi minuti. In una casseruola far stufare le cipolle, tagliate ad anelli sottili, in un po' d'olio. Cuocerle coperte per circa 40', salare, aggiungere la curcuma e l'uvetta, fatta precedentemente rinvenire in acqua tiepida. Trascorsi 5', unire i pezzi di baccalà cotti e le mandorle, lasciar insaporire per pochi minuti e servire.

baccalà del ristorante

dracena millenaria

3 commenti:

  1. Bella questa ricetta con il baccalà...la metto in ricettario.
    grazie
    ciao

    RispondiElimina
  2. Mi hai fatto venire di nuovo l'acquolina in bocca.
    Naturalmente ci provo, appena a casa.

    RispondiElimina
  3. grazie per i complimenti e un abbraccio carissimo a entrambe
    eugenia

    RispondiElimina