Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

giovedì 7 luglio 2011

Confettura di albicocche e vaniglia

Non so se avete notato, ma quest'anno le albicocche sono particolarmente dolci e succose, ragion per cui ho approfittato della favorevole circostanza per mettere in produzione questa squisita confettura, resa ancora più golosa dall'aroma della vaniglia. Il procedimento è quello classico adottato da una vera specialista del settore: Christine Ferber. Per mio gusto personale, verso la fine della cottura, preferisco frullare grossolanamente la frutta, in modo da ottenere un prodotto più spatolabile.Inoltre, diminuisco lievemente la quantità di zucchero (700 g anziché 800 come indica la Ferber). Qui troverete la ricetta nella versione originale.

CONFETTURA DI ALBICOCCHE ALLA VANIGLIA (metodo Ferber)

Ingredienti
1300 g (peso lordo) di albicocche, mature ma sode
700 g di zucchero fine
2 baccelli di vaniglia
2 dl di acqua
il succo di un limone

Lavare accuratamente le albicocche, dividerle in due e snocciolarle. Porle in una capiente bacinella di porcellana o vetro; aggiungere lo zucchero, i baccelli di vaniglia divisi in due per la lunghezza, il succo del limone e l'acqua. Coprire con un foglio di carta forno e far macerare, al fresco, per un'oretta. Riprendere la terrina, versarne il contenuto dentro una casseruola di acciaio dal fondo spesso (io uso un pesante wok antiaderente) e portare il tutto ad ebollizione. Spegnere immediatamente; travasare nella bacinella, coprire e riservare al fresco per una notte. Il giorno dopo, scolare le albicocche dentro un setaccio di seta e togliere loro la buccia (che verrà via facilmente). Far bollire lo sciroppo raccolto per circa 5 minuti(dovrà raggiungere i 105°); versarci dentro le mezze albicocche e proseguire la cottura per un'altra decina di minuti (personalmente,dopo i primi 5',frullo grossolanamente la frutta con il minipimer). Verificare la consistenza della confettura, eliminare i baccelli (che si potranno mettere come decorazione dentro i vasetti)e versarla nei barattoli sterilizzati. Con queste dosi ho riempito 4 vasetti medi e uno piccolo.




10 commenti:

  1. Veramente Eu noi a ponente non abbiamo un singolo albicocco sulla pianta. Sembra che da noi ce stato un sciopero indetto dagli alberi stessi che hanno deciso NIX frutta quest anno. In compenso le pere cotogne sono aumentate a dismisura!!!! La tua confettura con vaniglia manda profumo fin qui! Bella ricetta. un abbraccio da ponente, P

    RispondiElimina
  2. Grazie per essere passata a trovarmi,sei gentilissima.

    RispondiElimina
  3. mi ci sono imbattuta per caso e ho trovato un mondo bellissimo, mi sono unita ai tuoi lettori, se ti va di venirmi a trovare ti aspetto!

    RispondiElimina
  4. Cara Eu, presa da una gran varietà di impegni, vengo poco a trovarti, ma oggi me la sentivo che avevi in serbo una ricetta per me. Anch'io, per accontentare Greg, provvedo a dare una frullatina alle marmellate. Parto per la campagna, dove spero di trovare pronte le peschine bianche della vigna. La marmellata viene stupenda. Metodo Ferber e i tuoi consigli, ovvio. Un abbraccio
    sandra

    RispondiElimina
  5. @Puddin: come mi dispiace per questa carenza albicocchifera a Ponente!
    Scommetto che rimedierai con una produzione extra di golosita' alla pera cotogna. Un abbraccio e buone vacanze!
    @Mariabianca: grazie a te. A presto
    @Aria:benvenuta! grazie infinite per i complimenti. passero' a trovarti presto.
    @Ester: carissima, come ti capisco! Da un paio di mesi non riesco piu' a ritagliarmi del tempo libero da dedicare al blog; le ricette e le foto rimangono in sospeso e questo non aiuta, perche' la mia memoria e' estremamente labile e capita che non riesca piu' a ricordarmi dosi e procedimenti.Pazienza. Invidio benevolmente il tuo buen retiro in campagna e la tua bellissima cucina. Salutami tanto Greg e il marito. Vi abbraccio. A risentirci a settembre.

    RispondiElimina
  6. Deh!ben torni omai....cominciavo a disperare di rileggerti,tra la tua assenza e la mia mancanza di modem qui in montagna!Per fortuna siamo tornate ,tu con una bellissima ricetta ed io con un modem nuovo!Baci e abbracci
    Annamari

    RispondiElimina
  7. @annamaria: ciao! felicitazioni per il modem e un caro abbraccio a tutti. Vi ricordo sempre.
    eu

    RispondiElimina
  8. Ma il libro in alto sui dolci ad occhi chiusi è tuo? l'ho sfogliato l'altro giorno!!!
    che dire della confettura!....deliziosa!

    RispondiElimina
  9. @Terry: il libro "Dolci a occhi chiusi" e' stato scritto da una mia cara amica. Sono felice, nel mio piccolo, di poterle fare un po' di pubblicita' perche' se la merita davvero. A breve uscira' un altro suo volume: non vedo l'ora!

    Grazie del gentile commento, la confettura e' veramente deliziosa.
    un abbraccio

    RispondiElimina