Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

sabato 4 settembre 2010

Crumble di prugne

Un dessert perfetto per la stagione, tanto veloce e pratico da preparare quanto buono da gustare. Le dosi del crumble solo le mie solite, sufficienti per 6 persone, ma ho voluto aggiungere all'impasto una manciata di mandorle a fette, per aumentare l'effetto croccante e un pizzico di zenzero in polvere, oltre alla cannella. Irrinunciabile l'accostamento con il gelato all'Armagnac.



CRUMBLE DI PRUGNE CON GELATO ALL'ARMAGNAC
Dosi per 6 cocottine
9 o 10 prugne (io ho usato le Stanley)
90 g di farina autolievitante
90 g di zucchero
80 g di burro
un pizzico di sale
un pizzico di zenzero in polvere
1/2 cucchiaino di cannella in polvere
25 g di mandorle a fette
qualche goccia di succo di limone, poco zucchero per spolverare le prugne
burro per gli stampi

Imburrare gli stampini individuali o una teglia, preferibilmente in ceramica da forno, del diametro di 24 cm.Preparare il crumble: versare la farina in una bacinella, aggiungere lo zucchero, il pizzico di sale, le spezie; mescolare accuratamente. Unire il burro a pezzetti e, con l'aiuto delle dita, amalgamare tutti gli ingredienti formando tanti bricioloni. Prendere le mandorle a fette, sbriciolarle grossolanamente tra le dita, aggiungerle al preparato, manipolando brevemente per incorporarle in maniera uniforme. Mettere la bacinella in frigo fino al momento dell'uso. Accendere il forno a 180°C; lavare le prugne, asciugarle, dividerle a metà, privandole del nocciolo (la varietà Stanley è l'ideale: il nocciolo si stacca con estrema facilità). Dividere ogni metà in due o tre pezzi, ripartendo equamente la frutta nelle terrinette.Spolverare con poco zucchero e profumare con qualche goccia di succo di limone. Ricoprire con il crumble e cuocere in forno per circa 25' o finché la superficie del dolce sarà ben dorata. Servire caldo con una pallina di gelato all'Armagnac.




13 commenti:

  1. chicchissimo dessert Eugenia!Un abbraccio....

    RispondiElimina
  2. che golosità ..una goduria
    devo procurarmi cocottine come quelle ..carinissime
    complimenti

    RispondiElimina
  3. Maria che delizie che vedo..sia il crumble che il gelato!!!
    mi sa che insieme sono una vera delizia!!! ...un crumble servito all'inglese proprio!
    brava!

    RispondiElimina
  4. @Germana: grazie, carissima.
    @Chiara:questo crumble l'ho preparato di ritorno dal Portogallo, un paio di settimane fa, ed e' piaciuto davvero tanto.
    @antomorfeo:ciao e benvenuta! che bel cagnolino hai nell'avatar! Ho cercato a lungo delle cocottine ovali, perche' avevo gustato, in un ristorante di Manhattan, un crumble ai frutti di bosco servito proprio in recipienti del genere. Li avevo trovati identici da Crate&Barrel ma non volendo caricarmi di troppi bagagli li ho lasciati a malincuore sullo scaffale.Queste pirofiline, se non ricordo male, le ho trovate un paio di anni fa alla Metro ma ci sono sicuramente anche alla Rinascente.
    Terry: e' una combinazione deliziosa, lo dico senza modestia.Tra l'altro, visto che e' passato un po' di tempo da quando ho preparato il dolce, mi sono ricordata, guardando le foto, che avevo messo sopra le prugne poco zucchero e qualche goccia di limone, prima di ricoprirle con il crumble. Ora vado ad integrare la ricetta.
    Grazie a tutte
    a presto

    RispondiElimina
  5. il cagnolino nella foto è Morfeo il mio amato westie

    RispondiElimina
  6. per le cocottine proverò da C.U.C.I.N.A.
    il crumble è uno dei miei dolci preferiti

    RispondiElimina
  7. veramente un dolce bellissimo, confortante dato dal burro e soprattutto di stagione.sicuramente da fare!

    RispondiElimina
  8. @antomorfeo:è stupendo il tuo Morfeo!
    sono andata a cercare C.U.C.I.N.A. su Google è ne ho dedotto che sei romana :))
    @Lucy: grazie. Fammi sapere se ti è piaciuto.
    a presto

    RispondiElimina
  9. :-OOOOOOOOOOOOO
    Anche questo è finito nell'archivio delle cose da fare e credo sia favoloso anche senza gelato! (i miei due uomini la penserebbero diversamente, ma posso non fargli leggere l'originale ;-) e dirgli che c'è solo il crumble...)
    Le cocottine sono STUPENDE!!!
    magari dico alla mamma di procurarmene un po' e poi alla prima discesa a Roma le porto su.
    Gazie Eugenia!

    RispondiElimina
  10. Grazie Fabi! Il gelato lo puoi sostituire con qualche cucchiaio di yogurt greco senza grassi. Il contrasto caldo-freddo gioca molto a favore di questo dessert'
    Grazie di essere passata
    buona domenica (anche alla mamma)!
    eu

    RispondiElimina
  11. questo dessert fa proprio per me.
    dopo una torta con streusel di prugne, ho pensato che si poteva anche semplificare, e farne direttamente un crumble. ed ecco che lo trovo qua!

    e poi mi ha fatto ridere constatare che abbiamo esattamente gli stessi stampini monoporzione, identici. li ho comprati da poco, e la cosa buffa è che li ho usati una volta sola... per farci... un crumble :-)
    http://lagaiaceliaca.blogspot.com/2010/06/o-crumble-buglione_28.html

    sono capitata qui tramite fabiana, e mi sembra proprio un bel blog. ti seguirò con piacere!

    RispondiElimina
  12. Ciao, Gaia, felice di conoscerti! Quelle terrinette sembrano nate apposta per contenere i crumble...
    L'ho rifatto anche sabato sera, sempre con le prugne Stanley, ed è stato come al solito spazzolato in tutta fretta dai miei ospiti :)
    Un abbraccio e grazie della visita
    eugenia

    RispondiElimina