Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

domenica 18 luglio 2010

Gelato al fiordilatte versione 2010



1/2 litro di latte fresco
30 g di glucosio
40 g di latte magro in polvere
110 g di zucchero
2 g di Neutrogel *
un pizzico di sale
1 stecca di vaniglia
200 ml di panna fresca

Riunire in un pentolino il latte fresco, il glucosio, il latte in polvere, lo zucchero mescolato al Neutrogel, un pizzico di sale e la stecca di vaniglia NON aperta. Portare a 85°, mescolando spesso per sciogliere bene gli zuccheri. Togliere dal fuoco, levare la vaniglia e aggiungere a filo la panna. Frullare il composto con il minipimer.Travasare in un recipiente e raffreddare rapidamente, mettendo il contenitore in un bagnomaria di acqua e ghiaccio (i professionisti usano l'abbattitore).Trasferire in frigo, ben coperto, fino al momento di mantecare in gelatiera.Al momento opportuno, dare ancora una frullata con il minipimer (il gelato diventerà cremosissimo).

* il peso del Neutrogel 30 è indicativo, poiché la mia bilancia non è precisa come quella di un farmacista. In pratica, calcolare 1/4 di cucchiaino da tè di Neutrogel.

2 commenti:

  1. Ciao Eu,
    il tuo gelato deve essere buono.
    mi lasciano perplessa sia il glucosio, ormai sempre presente nei gelati e questo sconosciuto di neutrogel. cambia cosi' tanto il gelato?

    RispondiElimina
  2. buona domenica, Erika. Dopo tanti esperimenti devo dire che, secondo me, il glucosio aiuta a mantenere la morbidezza del gelato anche dopo il passaggio nei nostri freezer. Il Neutrogel è molto comodo per addensare e rendere più cremoso il gelato senza uova. Inoltre, mi sembra (impressione personale, da prendere con beneficio di inventario) che aiuti a non farlo sciogliere immediatamente.
    un abbraccio
    eugenia

    RispondiElimina