Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

venerdì 5 gennaio 2007

Coniglio ripieno al forno


Ho ritrovato questa ricetta, scritta con la grafia della nonna, in un vecchio cassetto.

ingredienti per 6 persone:
1 coniglio giovane disossato (al netto 850 g circa)
150 g di carne di vitello
150 g di lonza di maiale
100 g di mortadella
30 g di funghi secchi
un quarto di cipolla
5 o 6 rametti dii prezzemolo
40 g di mollica di pane casereccio
150 ml circa di panna fresca
1 cucchiaiata di cognac
sale e pepe macinato al momento
olio extravergine di oliva
aghi di rosmarino
mezzo bicchiere di vino bianco secco

Lavare molto bene il coniglio sotto acqua fredda (io lo lascio per un quarto d'ora in una bacinella colma d'acqua addizionata con vino bianco), asciugarlo in un panno, stenderlo sul tagliere e appiattirlo leggermente con un batticarne, salare e pepare. Passare al tritatutto le carni e la mortadella, unirvi i funghi, ammollati e tritati grossolanamente(meglio farli saltare brevemente in poco burro), un trito finissimo di prezzemolo e cipolla, la mollica di pane bagnata nella panna e la panna stessa avanzata, qualche pizzico di sale, poco pepe e il cucchiaio di cognac. Amalgamare accuratamente l'impasto, dargli la forma di un cilindro, adagiarlo sul coniglio, avvicinare i lembi e legare il tutto con qualche giro di spago. Prendere un foglio di carta forno, salare e pepare leggermente il coniglio in superficie, poggiarlo al centro, avvolgere il tutto a mo' di salame, adagiare il rotolo in un tegame da forno, irrorare con qualche cucchiaiata di olio, il vino bianco e mezzo bicchiere d'acqua. Cuocere in forno per circa 60/70' a 180°C. A metà cottura, si potranno aggiungere delle patate tagliate a tocchi, salate e pepate e contornate da aghi di rosmarino.

Fasi di preparazione:


2 commenti:

  1. ti arrabbi se propongo questa ricetta in un menù tipico trentino?
    Ciao Andrea

    RispondiElimina
  2. Ciao, Andrea. Scusa del ritardo, ma ho visto solo ora il tuo commento (sei mesi di ritardo sono un po' tanti, ma se pensi alle nostre Poste...). Mi farebbe solo piacere se inserissi la ricetta in un tuo menu. Grazie dell'attenzione.
    eugenia

    RispondiElimina