Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

sabato 4 ottobre 2008

Villa La Quiete-Tremezzo-Lago di Como



Villa 'La Quiete', nella frazione di Bolvedro, è una delle più belle ville del Lario, conosciuta anche col nome di Gioconda. Fu fatta erigere all'inizio del XVIII secolo dai duchi Del Carretto, passò prima alla famiglia Brentano, poi ai Serbelloni, i quali le diedero l'aspetto attuale, impreziosendola con l'antistante giardino all'italiana, la cancellata in ferro battuto, lo scenografico imbarcadero (1813), decorazioni e arredi di valore. I Serbelloni ospitarono, per ben nove anni, l'abate-poeta Giuseppe Parini, come precettore del giovane Gian Galeazzo. Per matrimoni, la villa passò ai Busca e quindi ai conti Sola-Cabiati, attuali proprietari.
L'impianto de "La Quiete" è caratterizzato da un corpo centrale a tre piani, affiancato da due ali più basse; l'esterno ha un aspetto classicheggiante con decorazioni barocchette, mentre gli interni sono sontuosamente arredati.

Circondata da un vasto giardino all'italiana, la villa, sul fronte lago, è delimitata da un'ampia cancellata in ferro battuto dall'elegantissimo disegno che viene sorretta da pilastri raffiguranti soggetti di carattere mitologico e da grandi vasi di pietra scolpita. L'inconsueta recinzione a vista consente a chi si trovi nel giardino di vedere il lago e tutta la sponda orientale offrendo al contempo una superba veduta del frontone dell'edificio a chi si trovi a transitare lungo la Statale Regina.














Lo scorso 27 settembre, per festeggiare l'ingresso di Tremezzo nel club "I Borghi più belli d'Italia", il glorioso Corpo Musicale Vittorio Veneto si è esibito in concerto nel giardino della villa.




Conosciuto dai locali come "el desbarch de Buedru", lo scenografico imbarcadero di Bolvedro è una doppia scala ellittica che scende a lago, progettata dall'architetto Francesco Bernardini Ferrari nel 1813.

4 commenti:

  1. I pensavo che questa fosse casa tua! La nostra non e' cosi' grande. La prossima volta che sono in quelle parti passero' a vedere....

    RispondiElimina
  2. ciao, Sylvia. Se passi su questa sponda, non dimenticare di visitare anche Villa Carlotta, altra fantastica magione di cui parlerò in un prossimo post. Occhio, però: dal 17 novembre inizia la chiusura invernale e la villa riaprirà verso la metà del mese di marzo 2009.

    Un abbraccio e un bacio alle bambine
    eugenia

    RispondiElimina