Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

sabato 9 maggio 2009

Gelato alla crème brulée

Veramente delizioso questo gelato: la profumata e densa crema alla vaniglia viene arricchita, quasi alla fine della mantecazione, da una croccante granella al caramello che la rende irresistibile. L'idea del caramello con il bicarbonato l'ho presa da un sito americano e devo dire che è stata una piacevole scoperta.




Per la crema:

300 g di panna fresca
400 g di latte fresco intero
1 stecca di vaniglia
120 g di zucchero
5 tuorli
un pizzico di sale
1 cucchiaino (5g) di farina di riso

Per la granella al caramello:

200 g di zucchero
6 cucchiai di acqua
1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio

Scaldare il latte e la panna con la stecca di vaniglia tagliata in due longitudinalmente. Battere i tuorli con lo zucchero, il pizzico di sale e la farina di riso. Unire, piano piano, il liquido caldo, mescolando con una frusta. Mettere sul fornello, a calore debole, e portare quasi al punto di ebollizione (i fatidici 82°C)mescolando con il cucchiaio di legno. La crema sarà pronta quando velerà il cucchiaio. Versarla in una bacinella, filtrandola da un colino a maglie strette, e lasciarla raffreddare. Conservare in frigo.


Nel frattempo, preparare il caramello.
Mettere in una casseruolina lo zucchero e l'acqua; portare a bollore e lasciare che lo zucchero cominci a prendere un colore ambrato: occorreranno circa 10'. Quando il caramello sarà pronto, togliere la casseruolina dal fuoco e incorporare il bicarbonato, mescolando brevemente. La massa cambierà immediatamente di colore, diventando di un bel nocciola, e si inspessirà. Versare il preparato su un foglio di carta forno leggermente imburrato e lasciarlo raffreddare. Prenderne circa 1/3 (va a gusto), metterlo in una busta di robusta plastica per alimenti e sbriciolarlo grossolanamente con il pestacarne. Il resto tagliarlo con un coltello in pezzetti più grossi: servirà per la decorazione finale.


Quando la crema sarà ben fredda, mantecarla in gelatiera aggiungendo le briciole di caramello verso la fine.





Dietro suggerimento di Federica, con questa ricetta partecipo alla raccolta Al gelato non rinuncio mai! del blog Buoni e veloci della milanese Stefania.

7 commenti:

  1. Veramente bello ma chissà che buono!! mi segno anche questa!! stai postando un sacco di belle ricette!
    P.s se ti va partecipa con questa bella ricetta alla raccolta proposta da Stefania del blog Buoni e Veloci

    RispondiElimina
  2. Caramello e vaniglia.... da provare anche questo, grazie e buona domenica!!

    RispondiElimina
  3. Mammachebuonoooo !!!
    Mandi

    RispondiElimina
  4. Geniale questa soluzione per preparare il caramenlo che per me rappresenta unpunto debole!!
    Cosa dire poi del gelato?? sublime!!
    Vorrei sapere dove si trova la bella palazzina con cui si apre il tuo blog..
    Buon we

    RispondiElimina
  5. @ Federica: grazie, Federica. E' un gelato davvero goloso, che ha ottenuto l'approvazione di mio marito, ghiottissimo di tutto ciò che è crunchy. La ricetta la condividerei volentieri, ma non ho capito bene cosa si deve fare per inserirla in una raccolta. Andrò ad informarmi meglio...Grazie
    @ Barbara: anche se so di ripetermi, consiglio davvero questa ricetta. Sto pensando di farne anche una versione tipo il Macadamia ice cream di Häagen-Dazs, perché l'aspetto e la croccantezza della caramellatura è identica. Non avrei mai pensato che un pizzico di bicarbonato (l'uovo di Colombo!)cambiasse così tanto il risultato. grazie.
    @ Rosetta: grazie, Rosetta, sei sempre gentilissima.
    Mammazan: è stata una scoperta anche per me. Normalmente non ho difficoltà a fare il caramello, ma l'aggiunta del bicarbonato fa una grossa differenza, almeno per lo scopo che voglio raggiungere in questo caso. Ovvio che se devo fare un croccante bello lucido e trasparente non lo metto.La villa che fa da cornice all'intestazione del blog si trova sul lungolago di Cadenabbia (Como); venne fatta costruire a metà 'Ottocento da Giulio Ricordi e pare forse sembra si mormora si dice che Giuseppe Verdi, spesso ospite dell'amico editore, qui vi abbia composto parte delle arie de La Traviata.Attualmente la villa è proprietà privata. Grazie e a presto.

    Un caro saluto
    eugenia

    RispondiElimina
  6. Ciao Eugenia,

    grazie per aver partecipato alla mia raccolta.
    Non appena posso aggiorno il post.
    Il tuo blog non lo conoscevo è molto bello, ora ci faccio un giretto.
    Se vuoi partecipare anche con altre ricette, sei la benvenuta.
    Ciao
    Stefania

    RispondiElimina
  7. Ciao, Stefania. Perdonami del ritardo, ma mi era sfuggito il tuo commento. Ti chiedo scusa per la distrazione. Grazie dei complimenti, che ti restituisco con sincerità.
    a presto
    eu

    RispondiElimina