Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

martedì 23 febbraio 2010

Sformatini di patate

Un contorno molto delicato, che io ho servito con uno sminuzzato di petto di pollo al limone e zenzero. La ricetta, con qualche lieve variante (nell'originale non c'è il parmigiano grattugiato), è presa da Patate, un volume della raccolta monografica di Le Cordon Bleu, edizioni Gribaudo.




Ingredienti per 6 sformatini:
800 g di patate
2 cucchiai di panna fresca
1 cucchiai di parmigiano grattugiato
50 g di burro fuso
2 uova
sale, pepe bianco del mulinello
noce moscata
1 cucchiaiata di erba cipollina sminuzzata (o prezzemolo)

Sciogliere il burro in un pentolino e pennellare, con una parte di esso, 6 cocottine da forno. Metterle in frigo fino al momento dell'uso. Cuocere a vapore le patate, conservando la buccia. Quando saranno pronte, sbucciarle e passarle allo schiacciapatate, lasciandone cadere il ricavato in una ciotola posta sopra un bagnomaria caldo. Unire al puré di patate il burro sciolto, mescolando accuratamente con un cucchiaio di legno. Una alla volta, unire le uova; condire con sale, pepe e noce moscata. Incorporare anche il parmigiano, l'erba cipollina e la panna, precedentemente riscaldata. Suddividere il composto negli stampi freddi, quindi metterli in una pirofila da forno ricoperta con due strati di carta da cucina. Coprire ogni stampo con un dischetto di carta forno (tagliato a misura) imburrato. Versare lentamente dell'acqua calda nella pirofila, quindi infornare a 180-190°C per 20 minuti, finché la lama di un coltello inserita al centro di uno sformato ne uscirà asciutta. Togliere delicatamente gli stampi dalla pirofila e lasciar riposare per 10-15 minuti prima di rovesciarli nei piatti.

7 commenti:

  1. ...che bella idea lo sformato :) un modo un po' diverso per servire le patate...per non parlare dell'insalata qui sotto :):):) Eugenia, un giorno o l'altro mi invito a pranzo a casa tua ihih :D un abbraccio...complimenti!

    RispondiElimina
  2. @Marzia: ma certo! Mi piacerebbe molto incontrare qualcuno di voi.
    grazie e a presto
    eugenia

    RispondiElimina
  3. Ottimi!
    anche io nel gratin di patate e "radici" c'avevo messo la cipollina, ci sta benissimo!:)

    RispondiElimina
  4. Che delicatezza..
    brava Eugenia, sono proprio i piatti che piacciono a me.
    un bacio

    RispondiElimina
  5. @terry:anche a me piace molto l'erba cipollina; la prossima volta voglio aggiungerne una maggior quantità.
    @germana: grazie, Germana carissima.
    un abbraccio
    eugenia

    RispondiElimina
  6. passo di qui e rovo queste bellissimi sformatini... mi viene fame e anche voglia di farli uno di questi giorni

    RispondiElimina
  7. ciao. Isolina! Hai festeggiato san Martino? Hai spillato il vino nuovo o e' ancora presto? Un abbraccio

    RispondiElimina