Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

giovedì 21 dicembre 2006

Terrina d'anatra


E' una ricetta tratta dalla rivista Cucina Italiana.
1 petto d'anatra
2 cosce d'anatra
burro q.b.
200 ml di panna fresca
60 g di pistacchi spellati
qualche fettina di lardo
3 scalogni
1 albume
1/2 bicchiere di Armagnac
sale, pepe bianco
Togliere la pelle al petto e alle cosce d'anatra. Tagliare il petto in 6 strisce. Rosolarne 3 in una padella con una noce di burro per qualche minuto. Lasciarle raffreddare e avvolgerle nel lardo. Ridurre a bocconcini il resto della carne, raccoglierla in una ciotola, versarvi sopra l'Armagnac, unire due scalogni tritati e alcuni grani di pepe. Coprire con pellicola e riservare in frigo per circa 2 ore. Trascorso questo tempo, scolare la carne dalla marinata, metterla in un mixer, aggiungere la panna, l'albume, lo scalogno rimasto e frullare fino ad avere un composto omogeneo. Salare e pepare,aggiungere i pistacchi e mescolare con una spatola. Imburrare una terrina e il suo coperchio, versarvi metà del composto, adagiarvi sopra i pezzetti di petto bardati nel lardo, ricoprire con il resto dell'impasto. Mettere il coperchio e sigillarlo con una pastella fatta con farina e poca acqua. Cuocere in forno a 180°C, a bagnomaria, per 35' circa. Togliere la terrina e lasciarla raffreddare sotto un peso. Tenere in frigo per almeno 24 ore prima di servirla.

Note: con queste dosi ho preparato due piccole terrine, suddividendo le tre strisce di petto cotte in sei bocconcini e mettendone tre pezzi ogni terrina. Una volte pronte le ho messe sottovuoto. Si conservanno benissimo per oltre due settimane.

Nessun commento:

Posta un commento