Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

domenica 3 aprile 2011

Giardini nel tempo 2011

















Quest'anno, la quinta edizione della manifestazione floro-vivaistica "Giardini nel tempo" ha cambiato location; non più a Cusago (MI), come negli anni passati, ma a Cesano Boscone (MI), presso l'ampio e ben tenuto parco comunale "Sandro Pertini". Nelle giornate di sabato e domenica 2 e 3 Aprile il parco si è riempito di espositori d'eccellenza, tra i quali ho notato il Vivaio Campanella, un must irrinunciabile per gli amanti delle rose antiche. Per gli appassionati di botanica e giardinaggio ricordo un altro importantissimo appuntamento, il 9 e 10 Aprile prossimi, a Cusago, nei prati antistanti il Castello Visconteo. In concomitanza con la manifestazione Cusago in fiore, si svolgerà anche una mostra-mercato dell'antiquariato. Partecipate numerosi!

8 commenti:

  1. Me li sono persiiiiiiiiiiii noooooooooooooo perchè?!!!!! :((

    RispondiElimina
  2. anche mi sono perso questo appuntamento, grazie delle foot almeno ci sembrerà di esserci stati anche noi

    RispondiElimina
  3. @Sonia: ti sei persa solo la manifestazione di Cesano, ma quella di Cusago deve ancora arrivare. Speriamo nel buon tempo, anche se io, nel week end, non so se riuscirò a passare, avendo preso già da tempo altri impegni.
    @Carmine: la giornata era splendida: ho fatto un salto al parco verso le 14, quando c'era ancora pochissima gente e si trovava parcheggio con facilità. In questo modo ho potuto guardare bene tutti gli stand e valutare i prezzi. Adoro questo genere di mostre!
    UN ABBRACCIO E A PRESTO

    RispondiElimina
  4. Eugenia è questo weekend a Cusago :D?

    RispondiElimina
  5. @sonia: esatto! ti consiglio di andarci sabato: troverai meno gente e gli espositori piu' disposti a dare consigli. Buona serata.

    RispondiElimina
  6. Che bello ritrovare le amiche attraverso i loro blog!
    Presa dalle fatiche del laborioso giardino montano, su un conoide alluvionale tutto massi, terrazzato a mano, e da un gattazzo sudtirolese, di recente installatosi da me, chissà quante cose mi sono persa.
    Le rose antiche, eh? Ma non solo quelle valgono la pena nel grande assortimento del Vivaio Campanella.
    Una nota di gran merito al detto vivaio e una nota di perplessità circa lo stesso: visitare il loro splendido roseto vale il viaggio (si trovano nei pressi di Vicenza): non si vedono così spesso esemplari di quelle moli in terra piena: di Gallica, di Moschata, ibridi di Moschata, stupendezze di Mutabilis Chinensis, possenti rampicanti, flessuose sarmentose.
    Una più bella dell'altra ed è il caso di non dimenticare la santa macchinetta fotografica a casa.
    Un assortimento di rose in vaso da urlo: ricordarsi la planimetria del giardino e, soprattutto, i metri quadri dello stesso, ahimé non infiniti.
    Nota di demerito: se le cose non sono cambiate è meglio essere molto prudenti negli ordini per corrispondenza, almeno a stare ai molti commenti negativi che si colgono nei vari forum di giardinaggio, per ritardi in zona cesarini - piante a radice nuda spedite molto tardivamente - oppure per scambio di varietà.
    Anche per questo motivo è molto opportuno andare a far provviste di persona, tornando con le proprie rose, la macchina fragrante piena di bellezza.

    Salutandovi indistintamente
    I Fratelli Caponi
    (che siamo noi)
    http://cicalarauca.wordpress.com/

    RispondiElimina
  7. Che bello ritrovare le amiche attraverso i loro blog!
    Presa dalle fatiche del laborioso giardino montano, su un conoide alluvionale tutto massi, terrazzato a mano, e da un gattazzo sudtirolese, di recente installatosi da me, chissà quante cose mi sono persa.
    Le rose antiche, eh? Ma non solo quelle valgono la pena nel grande assortimento del Vivaio Campanella.
    Una nota di gran merito al detto vivaio e una nota di perplessità circa lo stesso: visitare il loro splendido roseto vale il viaggio (si trovano nei pressi di Vicenza): non si vedono così spesso esemplari di quelle moli in terra piena: di Gallica, di Moschata, ibridi di Moschata, stupendezze di Mutabilis Chinensis, possenti rampicanti, flessuose sarmentose.
    Una più bella dell'altra ed è il caso di non dimenticare la santa macchinetta fotografica a casa.
    Un assortimento di rose in vaso da urlo: ricordarsi la planimetria del giardino e, soprattutto, i metri quadri dello stesso, ahimé non infiniti.
    Nota di demerito: se le cose non sono cambiate è meglio essere molto prudenti negli ordini per corrispondenza, almeno a stare ai molti commenti negativi che si colgono nei vari forum di giardinaggio, per ritardi in zona cesarini - piante a radice nuda spedite molto tardivamente - oppure per scambio di varietà.
    Anche per questo motivo è molto opportuno andare a far provviste di persona, tornando con le proprie rose, la macchina fragrante piena di bellezza.

    claudia

    http://cicalarauca.wordpress.com/

    RispondiElimina
  8. Ciao, Claudia, come stai? Solo stasera, cercando di scoprire le nuove funzioni di Blogger, sono capitata in una sezione dove, meraviglia!, vengono automaticamente archiviati i commenti ritenuti spam dal sistema. Non so per quale motivo ci sono finiti anche i tuoi, insieme a quelli di un'altra amica. Ti prego di scusarmi per l'inconveniente. Vivaio Campanella: molto gentili, pazienti (specialmente il signore), competenti. Mi piacerebbe tanto visitare il loro vivaio anche perche' l'assortimento che portano a queste manifestazioni floro-vivaistiche e' assai limitato. Non ho mai ordinato le rose sui cataloghi; preferisco l'impagabile piacere di osservarle da vicino, ammirarne i colori, aspirarne il profumo. Purtroppo (come hai ragione!) gli spazi in giardino sono quelli che sono e devo sempre frenarmi, ma ogni volta ci lascio gli occhi.
    Un abbraccio

    RispondiElimina