Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

domenica 18 luglio 2010

Gelato stracciatella


Non ricordo il numero di tentativi fatti per riuscire a preparare un gelato stracciatella che accontentasse i difficilissimi gusti di mio marito. Recentemente, abbiamo passato una domenica pomeriggio a fare esperimenti:

I tentativo: aggiunta di cioccolato (fuso con poco latte) a metà lavorazione. Risultato negativo. Il cioccolato, reso troppo fluido dal latte, si amalgama alla crema semisolida e si ottiene un gelato marroncino. Bleah!
II tentativo: aggiunta finale di cioccolato precedentemente fatto a pezzi. Qui rido perché il marito l'ha tritato troppo fine e il risultato è stato come sopra.
Ri-Bleah!
III tentativo: su prezioso suggerimento della cugina Diana ho aspettato che il gelato fosse completamente rassodato. A pala ancora in movimento, ho aggiunto, poco alla volta, il cioccolato fuso al microonde, aiutandomi a distribuirlo con una spatola di silicone. Risultato positivo. Eureka!!!

1/2 litro di latte fresco
30 g di glucosio
40 g di latte magro in polvere
110 g di zucchero
2 g di Neutrogel *
un pizzico di sale
1 stecca di vaniglia
200 ml di panna fresca
80 g (facciamo anche 100 e crepi l'avarizia!) di cioccolato fondente al 50% di cacao

Riunire in un pentolino il latte fresco, il glucosio, il latte in polvere, lo zucchero mescolato al Neutrogel, un pizzico di sale e la stecca di vaniglia NON aperta. Portare a 85°, mescolando spesso per sciogliere bene gli zuccheri. Togliere dal fuoco, levare la vaniglia e aggiungere a filo la panna. Frullare il composto con il minipimer. Travasare in un recipiente e raffreddare rapidamente, mettendo il contenitore in un bagnomaria di acqua e ghiaccio (i professionisti usano l'abbattitore).Trasferire in frigo, ben coperto, fino al momento di mantecare in gelatiera. Al momento opportuno, dare ancora una frullata con il minipimer. Quando il gelato sarà pronto, fondere a microonde (potenza 500W) il cioccolato rotto in pezzi. A pale ancora in movimento, aggiungere, poco alla volta, il cioccolato fuso al gelato, spatolando per distribuirlo uniformemente nella massa.

6 commenti:

  1. Grazie a te e alla cugina Diana !
    Provo senz'altro questa tecnica, e provero' anche ad aggiungere del latte in polvere, anche se non sono convintissima :)
    A presto !

    RispondiElimina
  2. Quest'anno ancora non ho messo in funzione la gelatiera, incredibile!!!!
    Eugenia, penso che l'inaugurazione della stagione arriverà con la tua stracciatella

    RispondiElimina
  3. Questo lo provo sicuramente, prima che la mia gelatiera vada in tilt a forza di far gelati...
    ghrazie Eugenia e buona settimana

    RispondiElimina
  4. @fedeccino: il latte in polvere mi sembra che accentui il sapore del fiordilatte. Riferirò i ringraziamenti a Diana :)
    @Lydia: anch'io ho aspettato un po' ad avviare la stagione dei gelati ma poi mi sono lanciata. Ti raccomando, se elabori qualche nuova versione fammi un fischio!
    @Germana: ho la tua stessa preoccupazione; la mia gelatiera ha quasi trent'anni e temo che un giorno o l'altro possa schioppare!
    Mi spiacerebbe moltissimo perché ha un cestello molto capiente mentre quelle di ultima generazione ce l'hanno di capacità piuttosto modesta.

    Un abbraccio e buona settimana
    eugenia

    RispondiElimina
  5. Ho fatto la nocciola stracciatellata con questa tua fantastica miscela
    http://tzatzikiacolazione.blogspot.com/2010/09/prima-che-lequinozio-dautunno-mi-colga.html

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Lydia, scusa per il ritardo ma ho cambiato recentemente l'indirizzo mail dove far arrivare i commenti e adesso me ne manda un po' all'indirizzo nuovo e un po' a quello vecchio. Ho letto solo ora il messaggio. Corro a vedere il tuo blog
    un abbraccio affettuoso

    RispondiElimina