Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

martedì 11 agosto 2009

Ragù di piovra

Un consiglio del mio amico pescivendolo: "Quando prepari la piovra con le patate, togli un paio di tentacoli e cucinali come un ragù. Ci condirai gli spaghetti e sentirai che buono!". Come ignorare un suggerimento così disinteressato?



Per 4 persone:
2 grossi tentacoli di piovra (la mia, intera, pesava 1 chilo e 300 grammi)
5 pomodori perini
1 cipollotto
1 spicchio d'aglio
1/2 calice di vino bianco
1/2 peperoncino fresco
un ciuffo di prezzemolo
olio extravergine

Tritare separatamente il cipollotto, il prezzemolo, il peperoncino e l'aglio. Mettere tutto a freddo, insieme ad un filo d'olio, in un tegame di coccio. Far appena appassire, poi unire i tentacoli tagliati a tronchetti.Sfumare con il vino bianco, riscaldato a parte. Unire i pomodori, precedentemente scottati, sbucciati e frullati. Coprire e cuocere a fiamma bassa per circa 30'. Spegnere e lasciar raffreddare nella pignatta (la piovra continuerà lentamente a cuocere). Prima di condir la pasta lessata, far eventualmente restringere il sugo, correggendo di sale.





6 commenti:

  1. eu che sorpresa la tua visita ed eccomi subito da te!
    (pochissime le blogger d'agosto)
    che bella la ricetta filmata, mi pare la mia mano, stile familiare ma la tua cucina è nelle mie corde lo so!
    un bacio
    laura

    RispondiElimina
  2. ciao eu,
    bentornata e che bella pasta!
    è una vita che non mangio e cucino una piovra, mi fa gola.
    :-)

    RispondiElimina
  3. ciao no niente besciamella nelle lasagne, solo latte e formaggio e sono comunque morbidissime ciaooooooo che buona questa piovra

    RispondiElimina
  4. Ciao, carissima Laura. Scusa del ritardo con cui rispondo, ma in questi giorni mi collego raramente al computer. La sensazione è reciproca: anch'io, quando vengo a visitarti, respiro un'aria familiare e ritrovo un modo di cucinare che è un po' anche il mio. Un grande abbraccio e buon ferragosto.
    @ Erika: ciao, Erika. Che piacere rileggerti. Tutto bene, spero. Anche a te un augurio di un buon ferragosto.
    @ Seri: Grazie, Seri. Anche le tue ricette sono molto nelle mie corde; proverò la tua versione delle lasagne al ragù.

    A presto
    eu

    RispondiElimina
  5. Ma che bellissima idea!Messa nel promemoria per il ritorno a casa.

    RispondiElimina
  6. @ Annamaria: in un sol colpo, risolvi il problema del primo e del secondo. Il mio pescivendolo ne sa una più del diavolo!


    un abbraccio
    eugenia

    RispondiElimina