Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

lunedì 17 novembre 2008

Terrina di coniglio

Dopo aver gustato la terrina di coniglio del Momi, ho deciso di replicarla a casa, non avendola mai preparata con il ripieno di prugne. Risultato attivo, al punto che la consiglio come antipasto per le prossime festività natalizie.



Ingredienti per 4-6 persone

mezzo coniglio nazionale (conservare il rognoncino)
50 g di salsiccia a nastro
70 g di fesa di vitello macinata
10 g di scalogno
15 g di pinoli
1 uovo
timo
1 cucchiaio di brandy
sale, pepe bianco
4 prugne denocciolate
rete di maiale o pancetta dolce tesa
vino bianco secco q.b.

Riempire una bacinella di vetro con 1 bicchiere di acqua e 1 bicchiere di vino bianco secco; profumare con qualche rametto di timo. Farvi marinare il coniglio per 6 ore, al fresco. Trascorso questo tempo, asciugare i pezzi di carne e disossarli: si dovranno ottenere circa 350 g di polpa. Passarne al mixer poco più della metà e tagliare a dadolini il rimanente. Mescolare la carne di coniglio con la fesa tritata e la salsiccia (privata del budello); unire lo scalogno, tritato finemente, i pinoli, poche foglioline di timo, un cucchiaio di brandy, un uovo, sale e pepe. Nel frattempo, si saranno fatte rinvenire in poca acqua tiepida le prugne. Ungere di burro una terrina della capacità di 1 litro. Foderarla con la rete di maiale, lavata in acqua tiepida e spruzzata di vino bianco (o con le fette di pancetta tesa). Disporre uno strato di farcia; adagiarvi al centro le prugne, ben asciutte e disposte in fila indiana, mettendo in mezzo il rognoncino. Coprire con il resto del preparato, rimboccando con la rete debordante. Chiudere la terrina con carta forno e sigillare il tutto con un foglio di alluminio. Cuocere a bagnomaria per 100’, in forno caldo a 180°C. Estrarre la terrina dal forno , scolare il liquido che si sarà prodotto, farla raffreddare. Appoggiarci sopra un peso e conservare in frigorifero per almeno 12 ore. Ho servito la terrina con della misticanza e una salsa di clementine senapata.






3 commenti:

  1. Mi piace, abbinameto carne frutta...tra i miei preferiti...

    RispondiElimina
  2. Grazie, Andrea. Un complimento fatto da uno chef "vero" vale il doppio!!!
    un abbraccio
    eu

    RispondiElimina
  3. qui non so proprio dove cercare la rete di maiale, come faccio?

    RispondiElimina