Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

venerdì 29 giugno 2007

Curry di gamberi con riso pilaf e goody-goody


CURRY DI GAMBERI

1 kg di gamberi
olio di girasole q.b.
1 cipolla
2 piccoli porri
1 foglia di alloro
1 pezzetto di zenzero
2 spicchi d'aglio
1 gambo di sedano
4 pomodorini
1/2 cucchiaino di coriandolo in polvere
1 cucchiaino di cumino in polvere
2 cucchiai di miscela curry
5 peperoncini verdi dolci
sale q.b.
1/2 vasetto di yogurt greco Fage






Sbucciare i gamberi e con teste, carapace e verdurine preparare un brodo. A parte, in un largo tegame, far soffriggere, in olio, la cipolla e i porri tritati fini, una foglia di alloro, dello zenzero grattugiato, l'aglio intero ,che poi si toglierà alla fine, sedano tritato. Unire il cumino, il coriandolo e i peperoncini verdi dolci, mondati e tagliati a quadretti. Quando il tutto è appassito, versare sopra le verdure la polvere di curry, eventualmente anche un po' di pasta di curry (se non ne ho, metto dei pomodorini)e il brodo di pesce. Salare e far cuocere l'intingolo per una mezz'oretta, quindi aggiungere i gamberi puliti e privati del budellino. Continuare la cottura ancora pochissimi minuti. Infine, aggiungere mezzo vasetto di yogurt denso, per rendere più vellutata la salsa.

RISO PILAF

1 1/2 bicchieri di riso basmati
3 bicchieri di acqua calda salata

Lavare il riso sotto acqua corrente finché uscirà l'acqua limpida. In un largo tegame, far scaldare poco olio, unirvi una cipolla steccata con un chiodo di garofano e una fogla d'alloro, aggiungere 3 capsule di cardamomo verde. Tostare brevemente il riso nel condimento, coprire con l'acqua bollente, mettere un coperchio e cuocere una decina di minuti.



GOODY-GOODY

Sono le varie ciotoline che accompagnano il curry. Ogni commensale si serve a piacere degli ingredienti predisposti e personalizza il suo riso. E' un'abitudine che mi hanno insegnato i miei cognati, i quali abitatarono a lungo in Tanzania, negli anni Sessanta, e appresero la ricetta dalla loro governante.

Disporre nelle ciotole:
cipollotto tritato
cocco a dadini
peperone giallo a dadini
scaglie di mandorle tostate
fette di banana
uvetta sultanina
se proprio volete esagerare, non fate mancare anche una tazza di chutney al mango e del mango fresco a cubetti








2 commenti:

  1. avevo giusto il pilaf in testa ...sempre un idea e/o un consiglio giusto! grazie. Lucio

    RispondiElimina
  2. Grazie mille a te, Lucio. A presto

    RispondiElimina