Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

martedì 16 marzo 2010

Filetto all'Armagnac

Sabato mattina eravamo in centro a sbrigare alcune commissioni. Finite le incombenze, ho convinto M a fare una sosta a La Rinascente. Siamo saliti al 7° piano, speranzosi di trovare le colombe Sorelle Nurzia o qualche altra loro referenza ma, purtroppo, niente da fare! Così, dopo aver dato un'occhiata piuttosto annoiata agli scaffali, siamo ridiscesi fino al piano interrato dove , su una superficie di 2.000 mq, sono concentrate le migliori firme del design italiano e mondiale (sempre bello farci un giretto). Tanto va la gatta al lardo che, del tutto involontariamente, sono approdata al reparto libri di cucina. Forte nel proposito di giammai aumentare, almeno in Quaresima, il mio discreto patrimonio cartaceo (due intere librerie Billy gemono sotto il peso dei volumi dedicati all'argomento gastronomico), mi sono limitata a sfogliare qualche pagina qua e là. L'attenzione è stata catturata da una ricetta estremamente semplice, direi essenziale, contenuta in un libro di Csaba dalla Zorza: il filetto all'Armagnac. Cercando di ricordare tutti i passaggi, una volta tornata a casa l'ho servito per cena. Garantisco che il tocco del liquore fa davvero la differenza!




Si prendono delle belle fette di filetto di manzo, piuttosto alte; si passano, su entrambi i lati , in una miscela composta da: sale fino, generoso pepe nero macinato al momento, grani interi di pepe nero. E' importante togliere la carne dal frigo almeno un'ora prima di cuocerla. A tempo debito, si riscalda una bistecchiera di ghisa (deve diventare quasi rovente), si appoggiano i filetti e si cuociono per circa 4' per lato. Dopo averli girati, si irrorano piano piano con un dito di ottimo Armagnac. Agire con molta attenzione, poiché l'alcool , se versato tutto in un colpo, potrebbe provocare una fiammata sufficiente ad incenerirvi le sopracciglia. Una volta cotti, adagiare i filetti su un piatto di portata e servirli con un contorno di patatine fritte e una ciotola di insalata croccante.

4 commenti:

  1. Davvero buono!!! anche la cottura è perfetta, come piace a me...un bacio

    RispondiElimina
  2. Filetto marcato giusto, ottimo il sapore...davvero eccellente....dimenticavo...e di classe.
    Ciao

    RispondiElimina
  3. A me l'Armagnac piace tantissimo e il tuo filetto è molto bello. Mi associo ai complimenti di Luciana e di Andrea.
    A presto,
    Alessandra

    RispondiElimina
  4. @Luciana
    @Andrea
    @ALessandra

    GRAZIE!!!

    RispondiElimina