Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

sabato 25 aprile 2009

Gelato al cioccolato

La ricetta è di Guido Martinetti della gelateria Grom di Torino.



330 g di latte intero di alta qualità
2 tuorli
40 g di zucchero di canna bianco
100 g di cioccolato fondente al 70%
15 g di cacao in polvere

Frullare (con un mixer ad immersione) il latte con i tuorli; porre sul fornello a riscaldare, senza arrivare all'ebollizione. Unire lo zucchero, il cioccolato tritato e il cacao (io aggiungo sempre un pizzico infinitesimale di sale); frullare ancora e far addensare. Raffreddare la miscela e mantecare in gelatiera.

14 commenti:

  1. Che buono, ho in programma proprio di farlo perchè ho della cioccolato di pasqua da finire... intanto mi "gusto" il tuo! ciao

    RispondiElimina
  2. come hai scoperto la ricetta di grom?
    mi manca quel gelato. :-)

    RispondiElimina
  3. Pecato non avere la gelatiera, ma i miei non ne vogliono sapere.
    Buona domenica
    Mandi

    RispondiElimina
  4. quante belle ricette, eu.

    ma gelatiera, la tajine, la centrifuga, il termos per lo yogurt...haimè, haimè, giù le mani :)))

    RispondiElimina
  5. Una ricetta della Grom??? Adoro i loro gelati e come l'hai proposta tu, non sembra troppo difficile da realizzare: me la sono subito stampata, grazie!!!

    RispondiElimina
  6. Qel gelato l'ho in mente da troppo tempo!!!Che buonooooooooooooooo

    RispondiElimina
  7. Grazie a tutte dei complimenti. Martinetti va spesso in televisione a proporre ricette dei suoi gelati. Avero già scritto quella allo zabaglione di Passito, mentre questa l'ha data circa un mese e mezzo fa. Tra l'altro, nei miei appunti, ci sono tre ricette sue di gelato al cioccolato o al cacao, con variazioni minime. L'ho già fatto tre o quattro volte (ottimo abbinato a quello di caffè, che eseguo con una mia ricetta) ed è un gelato molto buono se gustato al momento. Conservato in freezer, forse a causa della bassa temperatura, si indurisce parecchio e diviene difficile spatolarlo.

    abbracci a tutti
    eu

    RispondiElimina
  8. molto interessante la sostituzione dello zucchero semolato con quello di canna...ti dico la verità che mi lascia un po' perplesso per il fatto che lo zucchero semolato influisce anche sulla cremosità del gelato e agisce da stabilizzante...MA proverò e ti farò sapere.è SEMPRE BELLISSIMO VENIRE A VISITARTI.
    Ciao Andrea

    RispondiElimina
  9. Con una giornata come questa, altro che gelato!! Un bel punch (al rum!) .... Ma conservero' la ricetta per tempi migliori. Ciao cara.

    RispondiElimina
  10. Ciao, Andrea, bentornato. Mi è sembrato di capire che lo zucchero di canna bianco venga aggiunto per una questione di gusto: avrebbe un sapore più gentile rispetto a quello semolato e meno aggressivo di quello di canna scuro. grazie per le parole gentili e a presto
    Maurina: è sempre tempo per un buon gelato; magari gustato con dei sassi in tasca, visto il vento che spirava ieri :D

    grazie della visita
    eu

    RispondiElimina
  11. ma lo zucchero di canna bianco non è lo zucchero normale? in realtà non so neanche se quello che ho sia di canna e non di qualcos'altro
    cmq sto per metterlo nella gelatiera.... 1° esperimento, speriamo bene! non avevo il cacao e ho aggiunto un po' più di cioccolato al 70%.
    l'unica cosa ero sicura ci fosse la panna, invece...

    RispondiElimina
  12. perdonami, elena, forse ho usato l'aggettivo sbagliato: in effetti, intendevo "zucchero di canna chiaro" . Io lo acquisto all'esselunga, gamma BIO, ed ha un colore beige chiaro, a differenza di quello comune che e' piuttosto ambrato.Non ho idea se Martinetti usi proprio quello, ma e' l'unico che ho trovato con delle caratteristiche simili. Spero ti sia venuto un buon gelato; io, ieri, ho preparato quello al gusto stracciatella ma devo aggiustare ancora qualcosa nelle dosi. era buono, ma non abbastanza meritevole da pubblicarne la ricetta.
    buona domenica
    eugenia

    RispondiElimina
  13. grazie eugenia! ho invitato un'ospite per la degustazione e un parere obiettivo ed è venuto un gelato SPAZIALE!! servito insieme al fiordilatte, che avevo fatto nell'attesa che si raffreddasse il cioccolato, e panna montata. consistenza perfetta, gusto ottimo (cioccolato del ghana al 70%) nonostante mancasse il cacao in polvere e lo zucchero fosse lo zefiro (che credo sia di barbabietola, boh). un po' di sbattimento ma modestamente devo dire che posso fare concorrenza a grom :)
    prossimo esperimento: cioccolato dell'ecuador al 75%, zucchero giusto a cacao!
    se ti interessa la mia ricetta della stracciatella che riscuote sempre successo (in realtà credo sia più fiordilatte/vaniglia con pezzi di cioccolato perché mancano le uova. forse è anche più leggero): 200 gr di latte intero, 200 gr di panna (panna elena, non ha paragoni come cremosità finale: credo sia lì il successo), 150 gr di zucchero (io uso lo zefiro perché si scioglie bene anche a freddo), pizzico di sale e vaniglia. giro il tutto e metto nella gelatiera. a metà aggiungo il cioccolato fondente (al 50%) tagliato in pezzetti che sembrano riccioli.
    se provi fammi sapere se lo ritieni all'altezza (o se ci sono modifiche da apportare) :))

    RispondiElimina
  14. ho appena comprato la gelatiera...non mi resta che testarla con questa ricetta!

    RispondiElimina