Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

venerdì 30 settembre 2011

Caprini ai capperi

Un'idea di Artemisia che, nel suo nostalgico post, rimembra antiche gare di cucina tra familiari. Due cilindretti di caprino (in realtà prodotto con latte di mucca) fittamente ricoperti da un trito composto da erbe profumate, capperi, un'idea di peperoncino e di acciuga. Ottimi!
2 caprini
prezzemolo, basilico ed erba cipollina
una cucchiaiata di capperi dissalati
un'acciuga sott'olio
poco peperoncino fresco
olio extravergine

Lavare e sgrondare un mazzetto di prezzemolo, uno di basilico e un ciuffo di erba cipollina. Far asciugare accuratamente le erbe su di un telo pulito e poi tagliarle possibilmente con un coltello dotato di lama di ceramica, onde evitarne l'annerimento. Tritare minutamente i capperi, l'acciuga e il pezzetto di peperoncino. Riunire tutto in un piatto e rotolare i cilindretti di caprino (ben freddi di frigorifero) nel profumato trito. Tagliare poi in rondelle, disporre sul piatto di sevizio e servire con gli aperitivi, accompagnando con pane ai cereali leggermente tostato o con crackers. Volendo, si può completare con un filo d'olio extravergine.

Annota bene: abbondare con la quantità di erbe profumate, poiché i caprini ne raccolgono parecchia.

Erba cipollina
da Wikipedia

L'Erba cipollina (Allium schoenoprasum L., 1753) è una pianta aromatica tradizionalmente inserita nella famiglia delle Liliaceae, che la recente classificazione APG III attribuisce alle Amaryllidaceae (sottofamiglia Allioideae).[1]

Usi gastronomici

L'erba cipollina si usa quasi esclusivamente fresca poiché ha un aroma lieve che si perde facilmente. Per proporla al meglio i cuochi la tengono come pianta e se ne servono solo al momento dell'effettivo utilizzo, sciacquandola velocemente e sminuzzandola con le forbici. Guarnisce e sottolinea il gusto di crêpes, salse, burri aromatizzati, insalate e zuppe, ma può accompagnare anche il pesce. Grazie alla sua elasticità viene anche usata per legare piccole preparazioni a forma di fagotto, come le crêpes, o mazzetti di verdure lessate e accompagnate da salse, come gli asparagi, o involtini di bresaola alle erbette. È tipica della cucina della Francia, ma è diffusa anche in Italia. Le foglie verdi sono ottime in minestre, in intingoli e insalate.
Le foglie contengono le seguenti sostanze[15]:

6 commenti:

  1. @Artemisia: caprini entati a buon diritto nel repertorio familiare.
    ho fotografato anche gli sformatini ai porri :)
    buon fine settimana

    RispondiElimina
  2. Non conoscevo il tuo blog ma ora che l'ho scoperto,mi iscrivo volentieri..e' carinissimo e molto utile!Se vuoi dare un'occhiata al mio spazio,le porte sono aperte:e' in corso anche un carinissimo giveaway che trovi qui!

    RispondiElimina
  3. "Ecco per te il 2° numero di OPEN KITCHEN MAGAZINE!
    Per sfogliarlo gratis clicca qui:

    http://www.openkitchenmagazine.com/

    Puoi seguirci anche su Facebook cliccando qui:

    http://www.facebook.com/openkitchenmagazine

    Un abbraccio,
    il Team di OPEN KITCHEN MAGAZINE

    ps: ci farebbe molto piacere se potessi condividere il banner del magazine con tutti i tuoi amici! Per farlo basterà andare sul nostro sito, nella sezione "condividi" e prelevare la copertina del magazine; il link diretto è questo:
    http://www.openkitchenmagazine.com/condividi/
    Te ne saremmo davvero grati! ^.^"

    RispondiElimina
  4. Che bellissima idea Eugenia!

    RispondiElimina
  5. @Polvere di stelle:grazie dei complimenti e benvenuta. Passerò a trovarti.
    @notedicioccolato: grazie dell'informazione.
    @Saretta:grazie mille, Sara. Questa ricetta è vincente; vedrai che piacerà anche ai tuoi ospiti.

    RispondiElimina