Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

venerdì 30 settembre 2011

Penne di mais al pomodoro e erbe aromatiche

La stagione estiva si è appena conclusa; nell'orto si raccolgono gli ultimi pomodori ma le erbe aromatiche sono ancora nel loro massimo splendore. Niente di meglio, per dare l'arrivederci all'estate, che questo primo piatto ricco di colori e dal profumo inebriante. I pomodori utilizzati sono della varietà "cuor di bue", carnosi e saporitissimi; le penne di mais offrono una piacevole alternativa alla pasta di grano duro. Ovviamente, non c'è bisogno di sottolinearlo, le erbe aromatiche vanno dosate con sapienza: saremo generosi con prezzemolo e basilico mentre useremo prudenza con santoreggia, timo, erba cipollina, rosmarino, salvia e maggiorana.

Per 4 persone
2 grossi pomodori "cuor di bue"
1 spicchio d'aglio
olio extravergine di oliva
sale, pepe nero dal mulinello o un pezzetto di peperoncino rosso fresco
un bel ciuffo di prezzemolo e di basilico
una decina di steli di erba cipollina
qualche ago di rosmarino, una foglia di salvia, qualche rametto di timo, santoreggia e maggiorana
320 g di penne di mais

Lavare e sgrondare accuratamente le erbe. Stenderle sopra un canovaccio, in modo da far perdere loro tutta l'umidità. Tritarle possibilmente con un coltello dalla lama di ceramica, onde evitarne l'ossidazione. Scottare brevemente i pomodori nell'acqua bollente, scolarli, sbucciarli, privarli dei semi e tagliarli a larghe falde. Nel frattempo, buttare la pasta nell'acqua bollente salata. Mettere nel wok dell'ottimo olio extravergine e uno spicchio d'aglio. Lasciar scaldare l'olio molto lentamente, in modo da permettere all'aglio di rilasciare un delicato profumo. Eliminare l'aglio, alzare la fiamma e gettare in pentola i pomodori. Cuocerli solo un minuto, giusto per riscaldarli. Salare, pepare. Unire le penne, cotte al dente, spadellandole per un minuto. Infine, completare con il trito di erbe, dare una rimescolata e servire immediatamente.


Santoreggia
da Wikipedia

La santoreggia (Satureja) è un'erba molto usata in cucina, che appartiene alla stessa famiglia della menta. Tra le specie più utilizzate, si ricordano le specie Satureja spicigera, detta invernale, Satureja hortensis, detta estiva e Satureja montana). La pianta si utilizza per condire legumi, nella produzione di miele o nella preparazione dei liquori o come erba medicinale.

5 commenti:

  1. Semplicità e il profumo delle erbe lo rendono un primo da re..complimenti.

    RispondiElimina
  2. @La magica zucca
    @Fabi

    ragazze, sentirete che profumi! ;))

    RispondiElimina
  3. grazie come sempre per il tuo commento.
    Il bello è che questa cosa mì è venuta tra maggio e giugno e sono andata avanti per settimane con antistaminici e poi anche antibiotici e adesso ci risiamo, almeno dai sintomi sembra lo stesso. più guardo la foto più mi viene fame. Adesso per distrarmi un po' che son stufa di vegetare vado a preparare un conrbread Buona serata carissima

    RispondiElimina