Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

martedì 14 dicembre 2010

Confettura di Natale (Christmas jam)


Una confettura dall'aroma complesso, speziato, con tenui sfumature vinose, tipicamente invernale. La frutta utilizzata è quella fresca di stagione,supportata da prugne, albicocche, cranberries, datteri e pere disidratate. Potrebbe essere un suggerimento per arricchire qualche cesto gastronomico da portare in dono agli amici.

500 g di prugne secche denocciolate (S.Clara extralarge)
100 g di cranberries disidratati
100 g di pere disidratate (o fichi secchi)
100 g di albicocche disidratate
85 g di datteri
750 g di tè caldo (ho usato un English Breakfast)
2 mele Ambrosia
2 pere Decana
2 arance non trattate (solo la scorza)
230 g di vino rosso
spezie (2 pezzetti di cannella, 2 anici stellati, 1 cucchiaio di pepe di Szechuan, 2 chiodi di garofano, i semi di 2 capsule di cardamomo verde)
600 g di zucchero di canna
50 g di Kirsch
50 g di uvetta sultanina

Risciacquare la frutta disidratata (meno le uvette), metterla in un recipiente capace, versarci sopra il tè caldo, coprire e lasciare riposare almeno 3 ore ( o tutta la notte). Trascorso questo tempo, scolare l'eventuale residuo di tè, tagliare la frutta a pezzetti e metterla in una casseruola dal fondo pesante. Aggiungere le mele e le pere, sbucciate e tagliate a dadi, 2 strisce di buccia d'arancia (senza albedo) e le spezie, raccolte in un sacchetto di tulle. Ricoprire il tutto con il vino, mettere sul fornello e cuocere per circa 20'. Nel frattempo, prelevare con il rigalimoni il resto della scorza delle arance. Sbollentarle in acqua bollente per 3 minuti, ripetendo l'operazione una seconda volta. Scolare e tenere da parte. Risciacquare l'uvetta in acqua tiepida; metterla a macerare nel Kirsch. Trascorsi i 20', eliminare il sacchetto delle spezie e le scorze d'arancia intere; frullare la frutta con il minipimer, aggiungere lo zucchero, far cuocere ancora 10' circa. Pochi minuti prima di togliere dal fuoco, unire le scorzette di arancia sbollentate, l'uvetta e il kirsch. Verificare la densità della confettura, poi trasferirla nei vasetti sterilizzati e ancora bollenti. Tappare, capovolgere e lasciar raffreddare.

Annota bene: è possibile, per chi lo gradisse, aumentare il tono speziato della confettura aggiungendo, quasi alla fine della cottura, un pizzico di zenzero, di cardamomo e di coriandolo in polvere. Io l'ho fatto e il risultato mi è piaciuto.

11 commenti:

  1. Mamma mia che bomba !!!
    Gran bella ricettina !
    Mandi

    RispondiElimina
  2. Molto interessante questo uso del thè....qualcosa di nuovo(anche oggi) da provare!...credo che anch'io "correggerò" il sapore con l'avvolgente e caldo abbraccio delle spezie, ne sono assolutamente schiava!!
    Bacissimi,Fabi

    RispondiElimina
  3. ne sento il profumo fin qui, mi arriva la scia e penso a tutto il buono che prepari ed è una gran bella visione!
    Come tutte le tue ricette me la annoto. E non so se può interessarti, ma la prossima settimana proporrò ai colleghi la tua lonza alle tre salse ;-)
    Baci baci

    RispondiElimina
  4. Una meraviglia questa ricetta, bacioni e grazie

    RispondiElimina
  5. splendida ricetta... da copiare subito...Daniela

    RispondiElimina
  6. Perche tutte le volte che dico 'adesso basta confetture'...tu esci con qualcosa che mi fa cambiare idea? Sei proprio contaggiosa sai?! AHAHAH! Bellissima ricetta. Un abbraccio da ponente, P

    RispondiElimina
  7. Stupenda, perché mi tenti?
    Bravissima

    RispondiElimina
  8. Nettare degli Dei SPETTACOLARE!!! Ne voglio un vasetto!!!! :)))

    Sonia

    RispondiElimina
  9. maga! qui c'è imput da maga!

    che bell'alchimia!
    insaporire il cuore
    regina e maga!

    pour toi Eugénie!

    RispondiElimina
  10. Buona l'idea del far rinvenire tutto nel tè, originale. e il profumo che si sprigiona deve essere una meraviglia... Baci e grazie dell'ottimo suggerimento!
    Dani

    RispondiElimina
  11. @Rosetta:grazie!
    @Fabiana: anch'io devo sempre correggere la quantità di spezie per ottenere quel quid armonioso di aromi che non rende il prodotto stucchevole o nauseante.
    @Fabi: che bellezza,vedrai che quella pietanza piacerà senz'altro.Grazie per esserti ispirata alle mie ricette. Ne devo pubblicare ancora molte, ma mia madre è venuta a trovarmi e non ho molto tempo per stare al computer...
    @stefania
    @Daniela
    @Puddin
    @Germana
    @Sonia
    Grazie mille, siete sempre gentilissime e generosissime di complimenti.
    @Papavero:merci de tout coeur pour le joli haiku. Gros bisous!
    @Daniela: grazie a te, Daniela. In effetti, il tè aiuta a conferire un piacevole aroma alla frutta secca.

    un gran saluto a tutte
    eugenia

    RispondiElimina