Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

lunedì 11 febbraio 2008

Torta di mele di Armanda

Venerdì scorso, discorrendo del più e del meno con l'amica Valeria P, ci siamo confrontate su una ricetta di torta di mele, scoprendo che derivava da un'unica fonte: la giornalista e scrittrice Armanda Capeder. Valeria l'aveva trovata su una vecchia "Enciclopedia della Cucina - edizioni Fabbri-Carnacina", io su una ristampa di una raccolta monografica degli anni Settanta,"I jolly della buona cucina", sempre della Fabbri.

La particolarità del dolce consiste essenzialmente in due fattori: gradevolezza sul palato e grande sobrietà di ingredienti(pochissimi grassi, un solo uovo). In casa è sparita nel giro di poche ore. A me ricorda vagamente la tanto amata miascia.




Ingredienti per una tortiera da 26 cm di diametro

1 kg di mele renette
1 uovo
150 g di zucchero + 50 g
150 g di farina
2 cucchiaini di lievito per dolci
1 bicchierino di rum
1 bicchiere scarso di latte
sale
buccia di 1/2 limone grattugiata (o vaniglia)
zucchero a velo per decorare

Montare l'uovo con 150 g di zucchero, usando le fruste elettriche, finché si otterrà un composto soffice e chiaro. Incorporarvi a poco a poco la farina, alternandola a un po' di latte. Si dovrà ottenere una pastella semiliquida che si completerà con l'aggiunta del lievito, fatto scendere da un setaccino, un pizzico di sale, il rum e la buccia di limone. Sbucciare le mele, privarle del torsolo e tagliarle a quadretti. Unirle al composto e versare il tutto in una tortiera imburrata e infarinata. Spolverare la superficie con i 50 g di zucchero rimasti. Cuocere in forno preriscaldato a 170-180°C per circa 40'. Quando la torta sarà cotta lasciarla riposare per qualche minuto prima di sformarla. Una volta fredda, si potrà decorare con poco zucchero a velo.
La ricetta originale prevede un'intera bustina di lievito.

19 commenti:

  1. Interesting blog. We invite you to list it in our new Blog Directory and share it with others.

    Be one of the first to list your blog

    RispondiElimina
  2. Magnifica questa torta. Con così pochi grassi e così tante mele.
    Ne faccio una che batte questa per il burro, ma vince per lo zucchero, che però ha anche tre uova.
    Così la mia:
    3 uova
    6 cucchiai di zucchero
    80 g. di burro
    1 kg di mele renette
    2 etti di farina
    1 bustina di lievito per dolci
    quando me ne ricordo metto un po' di cannella
    Batto a lungo le uova con lo zucchero, aggiungo il burro fuso e a temperatura ambiente, il lievito e alla fine aggiungo le mele tagliate a tocchetti. Mescolo per bene, viene un pastrocchio che butto nella tortiera da 24 cm. imurrata e infarinata.
    forno a 170° per 60/70 minuti.
    Tempi di attesa: se mio figlio è presente, quel tanto che basta per non ustionarsi la bocca.
    Vado a fare la tua. Oggi faccio la nonna che ritira il nipote da scuola. Mi sa che riesco a portargliene una fetta.
    s

    RispondiElimina
  3. voglia di farla prestissimo,
    un altro eloquente esempio di semplicità & bontà

    RispondiElimina
  4. Una delle mie è questa:
    TORTA DI MELE MALAMOCCO

    1 Kg.mele tipo renette
    150 gr.di farina bianca
    3 uova intere
    150 gr. di zucchero
    50 gr. uvette-50 pinoli
    1/2bustina scarsa di lievito per dolci
    1 bicchierino di grappa-1 di marsala-sale

    Tagliare le mele a fettine.Sbattere le uova intere con lo zucchero e il sale,aggiungere la farina setacciata col lievito,i pinoli,le uvette ammorbidite nella grappa e i 2 liquori(la grappa in cui sono rinvenute le uvette e la Marsala).In una teglia da forno foderata di carta-forno stendere ¾ della pasta,coprendo anche i bordi,versare ¾ delle mele e ricoprire col resto della pasta.Decorare con le mele tenute da parte e con fiocchetti di burro. Cospargere di zucchero e infornare a circa 170° finchè diventa dorata(solita prova stecchino…)

    RispondiElimina
  5. oppure questa,molto amata dai nipotini:
    TORTA DI MELE DELLA NONNA BABA
    Ingredienti: 120 gr. di burro - 150 gr. di zucchero - 3 uova - 150 gr. di farina bianca - 1 bustina di lievito vanigliato per dolci - 2 grosse mele (o 3 medie) - 2 cucchiai di uvetta - 1 pizzico di sale
    Mettere il burro a pezzetti in una ciotola, amalgamarlo bene allo zucchero e al sale. Aggiungere un tuorlo alla volta e continuare ad amalgamare. Quando avrete un composto soffice e gonfio aggiungere la farina ed il lievito. Infine aggiungere le chiare montate a neve molto soda.
    Preparare una terrina da forno (io la fodero di carta da forno, così è più semplice da sformare) e versarvi il composto a cucchiaiate, lasciando un buon margine in altezza, perché cuocendo si gonfia.
    Pelare le mele, tagliarle a fettine abbastanza sottili e conficcarle in verticale nel composto, vicine le une alle altre, partendo dall'esterno verso il centro in giri concentrici. Infine cospargere con le uvette che sono state rinvenute in vino bianco e qualche goccia di estratto di mandorle o di rhum, ben strizzate ma non infarinate.
    Mettere in forno a 170-180°per un'ora. Quando è fredda e non prima sennò si apre, metterla in un piatto da dolci e cospargere di zucchero a velo.

    RispondiElimina
  6. com'è caldo e accogliente il mondo delle torte di mele nelle mille varianti di ciascuna di noi. Le torte fatte con amore e per amore!
    Tutte belle le varie versioni e prendo nota di tutte, grazie!

    RispondiElimina
  7. mi piacerebbe un commento sulla temperatura delle torte ricche di mele. ovvero: calde o tiepide, ottime; che ne fate delle fredde? (e non dite in coro che fredde non le avete mai viste)

    RispondiElimina
  8. Dovesssi vederle darei 20 secondi di MO a massima potenza. Fetta coperta con carta cucina.
    Questo blog, Eu è sempre più bello e coinvolgente. Chiacchieraate tra amici.
    La mia prossima torta di mele sarà quella di nonna Baba :)

    s

    RispondiElimina
  9. la torta di mele non è una torta. E' LA TORTA.

    RispondiElimina
  10. Grazie per le belle ricette e per i contributi. Tra l'altro, sarà per il nome, sarà per la grappa, ma quella Malamocco è da un po' che la curo...

    Che ne fate delle torte ricche di mele da fredde, chiede Artemisia. So cosa vuoi dire. Il discorso del viscido. Io non l'ho rilevato. La torta è stata preparata nel pomeriggio di sabato. Gustata tiepida da sei persone (con alcuni bis), ne sono avanzate giusto un paio di porzioni che, l'indomani mattina, hanno accompagnato una tazza di tè. Forse sono trascorse davvero poche ore dalla sfornata o forse è solo una questione di gusti. A me le torte di mele piacciono molto anche da fredde.
    Grazie a tutte della visita e delle parole gentili che spendete per questo blog.

    eu

    RispondiElimina
  11. io la torta di armanda la farò domani... il menù è già esposto al club :-)

    la torta di mele, è verissimo, è LA TORTA.
    ricorda le merende della domenica da piccoli, io ero in cucina a guardare la mia mamma coccolarci con la torta di mele... la torta della nonna, quella che si mangia fredda. io la torta l'ho sempre mangiata fredda, il tempo che la pasta accolga i succhi della mela, i suoi profumi, resti morbida, gustosa e buonissima con una bella tazza fumante di té o latte e miele.

    grazie a tutte voi. proverò anche le altre.

    RispondiElimina
  12. la foto del libro: diamine ce l'ho questo jolly da qualche parte, che piacere riconoscere qualcosa che a sua volta ti rimanda ad altre cose

    RispondiElimina
  13. ce li ho anch'io i jolly della cucina. quasi tutti!

    RispondiElimina
  14. Ulteriore annotazione: l'ottima Capeder affettava (non tagliava a dadini) le mele. :-)

    ciao papavero, ciao dede!
    io ho solo "quel" jolly, purtroppo.
    eu

    RispondiElimina
  15. Quello di Armanda Capeder è stato il mio primo testo di pasticceria ed è ancora il mio preferito.
    Sono felice di averti ritrovata sul web grazie a lei, Eugenia!
    Ma come facevo a non sapere che avevi un blog? Mea culpa...
    Insomma, ho messo insieme Van de Sfroos e Cammariere e ho dedotto che eri tu!!!
    Un grossissimo abbraccio
    Laura, mamma multipla :-)

    RispondiElimina
  16. Eugenia, provata, assaggiata, piaciuta.
    Grazie mille. Un abbraccio.
    Maura B.

    RispondiElimina
  17. chi l'avrebbe mai detto che una semplice torta di mele riuscisse a suscitare tanto interesse?
    ciao, Laura, un grande abbraccio a te, a Francesco e ai vostri bambini.
    Grazie a te Maura. Un abbraccio
    eu
    sono di corsa....

    RispondiElimina
  18. fatta, mangiata, piaciuta!!!
    l'ho servita tiepida, con la glace.
    il forno al club cuoce male e, l'aspetto croccantino sotto e spora non sono riuscita ad ottenerlo.
    la farò a casa alla prima occasione.
    mi è piaciuto il forte sapere di mele, la leggerezza e, mi ricordava un omelette che faceva mia nonna.
    una sola domanda: la farina la metti con la frusta o si pup' sbattere tutto insieme? :-)

    RispondiElimina
  19. io ho usato le fruste del kenwood, montando ad alta velocità l'uovo e lo zucchero, poi ho abbassato al minimo ed ho aggiunto la farina, alternandola con il latte,il rum e il resto degli ingredienti. Le mele le ho amalgamate con una spatola flessibile. Sono contenta ti sia piaciuto l'effetto finale. Di latte ne puoi mettere anche meno. Il libro non specifica la quantità, limitandosi a dire di aggiungerne un po', fino ad ottenere "una pastella semiliquida".

    a presto
    eu

    RispondiElimina