Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

mercoledì 24 ottobre 2018

Salsa al vermouth dry

Questa salsa di derivazione francese (nell'originale si usa il vermouth Noilly Prat), e' davvero squisita in abbinamento con alcuni tipi di pesce, con le capesante e con il petto di pollo. Anche se immagino di sollevare il solito coro di riprovazione da parte dei nemici della panna, devo dire che in questa ricetta ci sta divinamente e non e' sostituibile con altri ingredienti.

SALSA AL VERMOUTH DRY

Ingredienti per 4 persone
3 piccoli scalogni (60 g al netto)
20 g di burro
100 ml di Martini Dry + 1 cucchiaio
80 ml di brodo vegetale
250 ml di panna fresca
sale
pepe bianco dal mulinello

Dopo aver sbucciato gli scalogni, tritarli finissimi. Sciogliere il burro in un casseruolino. Unire lo scalogno, un pizzico di sale e far andare, a fiamma debole, per qualche minuto. Quando si sarà ammorbidito (non deve colorire), sfumare con il vermouth e, dopo un paio di minuti, aggiungere anche il brodo bollente. Far ridurre il tutto fino ad ottenere circa 3 cucchiai di liquido. Versare la panna e cuocere, a fiamma bassa, per circa 5 minuti, finche' la salsa si sarà un po' addensata. Passare al colino cinese,  premendo bene gli scalogni per estrarne tutto il sapore. Rimettere sul fuoco, aggiungere un cucchiaio di vermouth e lasciar scaldare. Condire con sale e una macinata di pepe. Versare in salsiera e servire.


2 commenti:

  1. ciao eugenia, vedo che bazzichi franceserie :)
    bella cosa questa salsa/quegli italiani che parlano male della panna evidentemente poco conoscono di cucina lombarda e in generale alto-italiana: come ogni altro ingrediente ha un suo perché (certo è un peccato che la panna italiana non sia il massimo)
    esiste una grab bella ricetta di julia child per un petto di pollo brasato nel burro, molto buono: tanto burro ovviamente :). fiamma bassissima, e una cartouche a coprirlo... certo con questa salsa forse sarebbe come dicono gli inglesi gild the lilly...ma che bontà. ciao, stefano

    RispondiElimina
  2. Ora devo subito correre a cercare la ricetta di Julia Child ;-)
    Siamo appena tornati da Parigi e dopo aver visto tante leccornie rimane la voglia di provare qualche piatto.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina