Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

venerdì 26 dicembre 2008

Cubetti alle mandorle e ai datteri

La ricetta l'ho presa da un bellissimo libro sui biscotti che mi regalò Cristina H lo scorso anno. Si tratta di una specialità ucraina che andrebbe, tradizionalmente, tagliata a barre. Una base di frolla poco dolce sostiene un ricchissimo ripieno a base di meringa, mandorle, datteri e cioccolato fondente. Preparati qualche giorno prima di Natale, non ne sono rimasti che una decina...

Per la frolla:
130 g di farina
30 g di zucchero
un pizzico di sale
60 g di burro
2 tuorli d'uovo
1 cucchiaio di panna acida densa
1/2 cucchiaino di pasta di vaniglia

Per il ripieno:
6 albumi d'uovo
250 g di datteri denocciolati e tritati finemente
250 g di zucchero a velo
250 g di mandorle finemente tritate
250 g di cioccolato fondente grattugiato

Preparare la frolla disponendo a fontana la farina, lo zucchero e il sale sulla spianatoia. Mettere al centro il burro tagliato a pezzetti. Battere a parte i tuorli, la panna acida e la vaniglia. Unire il tutto al primo miscuglio e lavorare per qualche minuto, fino ad ottenere un impasto che si stenderà dentro uno stampo (22x30cm circa) ricoperto da un foglio di carta forno. Cuocere in forno a 180°C per circa 10-12 minuti (non deve colorire). Nel frattempo, battere a neve gli albumi incorporando, man mano, lo zucchero a velo. Quando la massa sarà ben gonfia aggiungere, sempre battendo a bassa velocità, le mandorle, i datteri e il cioccolato. Stendere la guarnizione sulla base di frolla parzialmente cotta. Abbassare il forno a 170°C e far cuocere per 40' circa, fino a che la guarnizione sarà soda. Togliere il biscotto dal forno, lasciarlo raffreddare e tagliarlo a cubettini. Decorare con zucchero a velo.

Annota bene: con il mio forno ho cotto per 10' a 160°C, proseguendo poi a 130°C per altri 30'.



Nessun commento:

Posta un commento