Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

sabato 17 dicembre 2011

Mostaccioli delle feste

Ogni anno, per le festività natalizie, preparo dei dolci da regalare alle mie amiche. Questa volta, oltre agli immancabili e straordinari triangoli alle mandorle e nocciole di Alda, alle frolle di nonna Genia, ai cantucci datteri e cioccolato di Knam, ho aggiunto una versione rinnovata dei mostaccioli di Papavero di Campo. Questi dolci si possono preparare con una settimana di anticipo e si conservano a lungo, se riposti in luogo fresco e dentro scatole a chiusura ermetica.


300 g di mandorle pelate
200 g di zucchero
2 cucchiaiate di miele millefiori
5 uova grandi
200 g di cioccolato fondente al 50%
100 g di cioccolato fondente al 75%
1/2 bicchiere scarso di latte
75 g di cacao amaro
4 cucchiaiate di Rum
3 cucchiaini rasi di ammoniaca per dolci
1 bustina di vanillina
1 cucchiaio di cannella in polvere
1/2 cucchiaino di zenzero in polvere
un pizzico di sale
520 g circa di farina 00

Tostare le mandorle in forno (io uso il MO, funzione CRISP, per circa 5', sorvegliando attentamente: non devono brunire troppo). Lasciarle raffreddare e poi tritarle non finissimamente nel mixer. Non è importante ridurle in farina, anzi, a me piace ritrovare qualche scaglia grossolana nel mostacciolo. Sciogliere il cioccolato in un po' di latte (anche questa operazione si può fare nel MO, potenza 500W per qualche minuto). Setacciare la farina con le spezie, il cacao, la vanillina e il sale; versare nel recipiente dell'impastatrice. Unire le mandorle tritate, lo zucchero, il miele, il cioccolato fuso e le uova, leggermente sbattute. Montare la frusta a K e lavorare a bassa velocità. Unire anche il Rum e l'ammoniaca, sciolta in due cucchiaiate di latte freddo. L'impasto dovrà risultare denso ma piuttosto umido ed appiccicoso. Aiutandosi con due cucchiai, prelevare una piccola quantità di impasto, deporla sulla lastra del forno ricoperta dall'apposita carta, cercando di darle una forma il più possibile arrotondata. Proseguire fino ad esaurimento degli ingredienti, badando di tenere una certa distanza tra le pagnottelle poiché crescono in cottura. Si riempiono tre placche. Cuocere in forno moderato (160-170°) per circa 15 minuti, facendo attenzione a non far indurire troppo i panetti e, cosa ancor più temibile, a non farli brunire eccessivamente (diventerebbero terribilmente amari). Far raffreddare i mostaccioli su una gratella.
Una volta freddi, si possono ricoprire con una glassa al cioccolato fatta in questo modo:

GLASSA AL CIOCCOLATO (modifica alla ricetta di PaolaL di Roma)
100 g di panna fresca
80 g di glucosio
100 g di cioccolato al latte
150 g di cioccolato fondente al 75%
una nocciola di burro fuso
4 cucchiaiate (o più) di Grand Marnier

Scaldare in un pentolino la panna e il glucosio a 50°. Nel frattempo, spezzettare il cioccolato. Quando la panna avrà raggiunto la temperatura prevista, togliere dal fuoco, aggiungere il cioccolato e mescolare lentamente con una spatola.Unire anche il burro. Quando il composto sarà sceso a 40° unire il liquore, poco alla volta, mescolando continuamente. Pennellare immediatamente i panetti con la glassa e lasciarli raffreddare su lastre ricoperte da carta forno.

6 commenti:

  1. Grazie Eugenia, per aver messo subito il banner del calendario CI per Rocchetta di Vara.
    Perfetto anche lo slogan.
    Un bacione.
    Buon questi mostaccioli!!!
    Senti, ti posso fare una confidenza, in questo giro di blog che sto facendo sto vedendo tante di quelle cose buone che mi rendo conto ci vorrebbero più vite o una vita mooolto larga per assaggiarle tutte :)))

    RispondiElimina
  2. Buonissimi e molto carini da vedere, un'ottima scelta per un regalo sfizioso home made. Baci. Deborah

    RispondiElimina
  3. Che buoni devono essere, non li ho mai fatti allora questa me la segno.
    Baci baci

    RispondiElimina
  4. Siete stepitose, stateproducendo tante di quelle bontà!Io credo che la seduta più lunga ai fornelli la farò per vigilia e Natale, ora solo cose essenziali e...fortunate le tue amiche!
    bacione

    RispondiElimina
  5. sai che non li conoscevo? squisiti!
    e adesso come faccio? sono in un momento di grande cioccolateria, mi toccherà di fare pure questi?

    se non ci si rilegge, tanti auguri di buone feste!

    RispondiElimina
  6. @Rosy: anch'io ho la stessa sensazione :) pensa che ho un archivio di ricette del vecchio forum cucinait dal 2001 al 2005 circa che, campassi, cent'anni, non riuscirei a replicare nemmeno per l'1%. Meglio guardare e ammirare l'opera altrui :) Grazie a te della bellissima iniziativa a sostegno dei bambini di Rocchetta Vara.Buon Natale!
    @il sapore del verde:grazie Deborah; tanti auguri di buone feste.
    @Germana:ogni anno e' sempre piu' difficile scegliere, tra tante ottime ricette, quali fare per le feste natalizie. Oggi mi dedichero' a pennellare di cioccolato gli ottimi dolcetti di Alda (e' anche un modo di ricordarla e di rivolgerle un grato pensiero). Tanti auguri!
    @saretta:anch'io mi sto preparando spiritualmente alla grande faticata della Vigilia: speriamo giri tutto per il verso giusto e che non mi accada, come mi succede tutti gli anni, di sbottare a litigare con mia madre per gli ultimi preparativi. :))
    @Gaia:carissima, se posso permettermi, ti consiglio una ricetta di chutney natalizio che ho invasato da una settimana e che ho gia' avuto modo di gustare, nonostante consiglino di lasciarlo maturare lmeno un mese. Lo pubblichero' a breve; dagli un'occhiata perche' e' veramenge ottimo per accompagnare tutti i formaggi .
    Un abbraccio e buon Natale di cuore, a te e alla famiglia!

    RispondiElimina