Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

giovedì 10 luglio 2008

Insalata Cesare

Ne esistono molteplici versioni, io mi sono ispirata a quella di Delia Smith.




1 lattuga romana
5 filetti di acciuga sott'olio
Parmigiano Reggiano q.b.

per i crostini:
pane raffermo
1 cucchiaiata di Parmigiano Reggiano grattugiato
1 piccolo spicchio d'aglio
1 cucchiaio d'olio d'oliva

per la salsa:
1 uovo a temperatura ambiente
1 filetto di acciuga
un nonnulla di aglio
succo di limone o di lime
1 cucchiaino scarso di mostarda in polvere Colmans
1/2 cucchiaino di Worcestershire sauce
150 ml circa di olio d'oliva (o di semi di girasole)
sale
pepe nero del mulinello

Preparare i crostini: tagliare il pane in minuscoli dadolini, metterli in una ciotola, condirli con un cucchiaio d'olio, il grana e lo spicchio d'aglio grattugiato. Mescolare accuratamente per ben distribuire il condimento. Adagiare su una placchetta rivestita di carta alluminio e mettere in forno caldo a 180°C per pochi minuti. Dovranno dorarsi.


Lavare e sgrondare l'insalata, tagliarla a strisce e deporla in un'insalatiera. Unire i crostini, i filetti di acciuga a pezzi e il Parmigiano, passato alla grattugia a fori grossi.


Condire con la salsa preparata in questo modo: rompere l'uovo in un recipiente lungo e stretto; aggiungere la fettina di aglio, il filetto di acciuga, la senape e la Worcestershire sauce. Frullare con il minipimer per ridurre tutto in crema. Aggiungere l'olio, frullare ancora per qualche secondo. Diluire la salsa con il succo di limone e condire con sale e pepe macinato al momento.

4 commenti:

  1. Copiata anche questa.
    Grazie.
    COpio sempre...abbi pazienza.

    RispondiElimina
  2. non può che farmi piacere, Michela. Ciao e buon fine settimana.
    eu

    RispondiElimina
  3. Oh, la Ceasar salad! Abbondante qui in Canada ma senza acciughe.
    I canadesi dicono: insalatiera rigorosamente di legno. Addirittura si trovano in commercio, da affiancare alla tavola, piedistalli dove porre la grossa insalatiera e le lunghe posate di servizio.

    RispondiElimina