Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

martedì 7 novembre 2006

Tasca di vitello farcita

Un arrosto sempre gradito dai miei ospiti e che consente di dedicarsi a loro senza stare ai fornelli continuamente.



Un bel pezzo di sottofesa di vitello da 800 g circa
300 g di vitello
100 g di manzo
80 g di mortadella di Bologna
2 cucchiai di parmigiano grattugiato
3 cucchiaiate di panna (facoltativa)
un albume
sale, pepe bianco, noce moscata
olio extravergine
1 piccola cipolla
3 dl di Prosecco di Valdobbiadene o altro vino bianco secco
rosmarino

Praticate una profonda incisione nel pezzo di carne , nel senso della lunghezza, in modo da ottenere una specie di tasca. Preparate il ripieno: passate due volte al tritacarne, con il disco a fori medi, il vitello, il manzo e la mortadella. Aggiungete la panna, l'albume, il grana e condite con sale, pepe e abbondante noce moscata. Mescolate accuratamente e a lungo. Inserite il ripieno nella tasca e cucite l'apertura con del filo bianco robusto. Attenzione a non riempire eccessivamente la tasca poiché, in cottura, il ripieno aumenta di volume e potrebbe fuoriuscire dall'apertura.Massaggiare l'esterno con sale e pepe bianco. In una casseruola, che lo contenga di misura, mettere la tasca farcita, versare il vino e un po' d'olio extravergine, una cipollina tagliata in quattro e il rametto di rosmarino. Infornare a 170°C e cuocere per circa 2 ore/2 ore e mezza. A cottura ultimata, estrarre la tasca, lasciarla riposare qualche minuto sul tagliere (coperta da un foglio di alu. Nel frattempo, passare al minipimer il fondo, togliendo il rametto di rosmarino.Servire la tasca a fette medie, con contorno di insalate o patate arrosto.

Nessun commento:

Posta un commento