Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

giovedì 16 ottobre 2008

Baccalà alla Orsy

Orsy è una delle mie muse ispiratrici in cucina, insieme ad Alda, Annamaria, Artemisia, Lyda e Valeria. Così, quando l'ho vista offrire, su Altrotempo , questa piccola portata di baccalà, non ho resistito. Il baccalà l'avevo pronto in freezer, pomodoro e acciughe non mancano mai nella mia dispensa...non è rimasto che mettermi immediatamente ai fornelli.





La ricetta, per due persone, con le succinte spiegazioni di Orsy:


Robetta svelta.

Per mezzo chilo di baccalà già ben ammollato, lessato, privato delle eventuali spine e tagliato a tocchi:

25 g di burro, 2 cucchiai di olio, 1 cucchiaio di cipolla ben tritata, 4 filetti d'acciuga sott'olio, 3-4 cucchiai di passata di pomodoro (o un cucchiaino ben colmo di concentrato da diluire con acqua).
Far appassire la cipolla in burro e olio; aggiungere i filetti d'acciuga, stemperandoli, e il pomodoro. Unire i pezzi di baccalà e far insaporire per 5 minuti.

Una variante che amo: invece del pomodoro, 3-4 cucchiai di panna e rifinitura di pepe bianco.



Una piccola nota: personalmente, per la lessatura del baccalà procedo in questo modo: porto a bollore abbondante acqua, aromatizzata con una foglia di alloro; immergo le porzioni di baccalà, spengo il fornello, copro, e lascio riposare per una quindicina di minuti. Estraggo il pesce, lo asciugo su carta da cucina e proseguo come da ricetta.

Per accompagnare il baccalà ho pensato di preparare del semolino che, dopo cotto, ho pressato in due stampini da budino. Presentazione carina e di un certo effetto.

SEMOLINO per due persone:
120 g di semolino di grano duro
6 dl scarsi di latte fresco
una presa di sale
noce moscata
una nocciola di burro

Portare a bollore il latte, salato e profumato con una grattugiata di noce moscata. Gettarvi in un sol colpo il semolino, mescolando lestamente con una frusta. Cuocere per una decina di minuti. Levare dal fuoco e condire con il burro.

5 commenti:

  1. originalissimo l'abbinamento con il semolino!
    bacione
    saretta

    RispondiElimina
  2. bel piatto veloce e di gratificazione, mi piace l'acciughetta a insaporire il tutto! mi piacerebbe aggiungervi un pizzico di fior di finocchio!

    RispondiElimina
  3. grande presentazione per una delle ricette salvifiche di orsy.

    PS: sono una musa! (sventolio di veli azzurrini tra dorate foglie autunnali in caduta libera).

    RispondiElimina
  4. L'idea del semolino mi è venuta perché avevo desiderio di coniugare il baccalà con una bella polentina di mais bianco. Non avendo quella farina in casa, né tempo e voglia di uscire a comprarla, ho pensato all'umile semolino: devo dire che ne è stato un degno sostituto.
    Grazie della visita e a presto
    eu

    RispondiElimina
  5. Stavo per dire prima di aprire i commenti che secondo me il semolino ci sta benissimo.
    Ho visto che confermi..mi segno tutto allora.

    RispondiElimina