Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

giovedì 23 aprile 2009

Branzino in tegame e linguine al sugo

Il mio pescivendolo mi vuole bene. Stamattina sono entrata in negozio indecisa su cosa comprare:non mi andava niente e alla fine, quasi di malavoglia, ho chiesto un branzino. Lui mi domanda: "come lo fai?" ."Penso di cucinarlo al forno" - gli rispondo. "Perché non lo fai in tegame con pomodorini, olive, aglio e prezzemolo?"- mi suggerisce. Aggiudicato! Mentre se ne va nel retro a pulirmi il pesce, noto che prende un pezzetto di pesce spada, giunto ormai alla coda, e una manciata di scampetti. Allo stesso prezzo del branzino mi ha regalato anche questi ingredienti, garantendomi ne sarebbe venuto un sughetto favoloso per la pasta. Benedetto uomo!



1 branzino sui 700 g
una fetta di pesce spada
12 scampetti
olio extravergine
prezzemolo trito
1 spicchio d'aglio tritato
un pizzico di peperoncino
1/2 calice di vino bianco secco
1 grosso pomodoro "cuore di bue"
1 cucchiaio di triplo concentrato di pomodoro
sale
una manciata di olive nere
linguine DeCecco

Sciacquare il branzino, asciugarlo bene, metterlo in un largo tegame dove soffriggerà, in un po' d'olio, un trito di prezzemolo, aglio e peperoncino. Girarlo quasi immediatamente, salarlo, spruzzarlo con il vino bianco. Unire 1/2 pomodoro, sbucciato e tritato; lasciar insaporire qualche istante, unire un cucchiaio di triplo concentrato di pomodoro e un mestolo di acqua bollente. Aggiungere anche il pesce spada, coprire e cuocere per circa 12 minuti. Trascorso il tempo indicato, unire al pesce gli scampetti (risciacquati, privati della testa e del budellino) e le olive nere. Dare ancora pochi minuti di cottura. Estrarre il pesce spada, privarlo della pelle, tagliarlo a cubetti e rimetterlo al caldo nell'intingolo. Nel frattempo, mettere in una ciotolina il rimanente pomodoro a dadolini, insaporendolo con poco olio e un pizzico di sale. Cuocere le linguine in acqua bollente salata, scolarle e condirle con il sugo di scampi e pesce spada. Aggiungere il pomodoro tenuto da parte e servire guarnendo il piatto con qualche foglia di basilico fresco.
Presentare il branzino contornato da patate cotte al vapore.




4 commenti:

  1. Voglio anch'io un pescivendolo così!!!!
    Ottimi entrambi i piatti!

    RispondiElimina
  2. Che bei piatti leggeri! complimenti!

    RispondiElimina
  3. E brava Eugenia, hai pescato proprio un buon pescivendolo !
    complimenti per la ricettina
    Mandi

    RispondiElimina