Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

mercoledì 3 ottobre 2007

Spaetzle verdi

Questi gnocchetti, a base di farina, uova e latte, sono sempre graditissimi alle mie figliole e ai loro ragazzi. Ho così deciso di fotografare ogni passaggio della versione agli spinaci, in modo che, se ne avvertissero l'uzzolo, le suddette possano tranquillamente ammannirli con una buona percentuale di successo. Non occorre altro che l'apposito strumento, reperibile in tutti i buoni casalinghi (o dentro la nostra credenza, in basso a destra). Un consiglio: dopo aver preparato gli spaeztle, non vi venga in mente di lavare l'attrezzo immergendolo in acqua calda, ché fareste una fatica bestia a togliere tutti gli avanzi di impasto. Mettetelo piuttosto nella vasca del lavello riempita d'acqua fredda e, aiutandovi con una spazzolina, ripulitelo da ogni rimasuglio.




Ingredienti per 4 o 5 persone di buon appetito:
150 g di spinaci
un cucchiaio d'olio
1 spicchio d'aglio
sale, noce moscata
3 uova
250-280 ml di latte*
400 g di farina 00

Lavare gli spinaci e sgrondarli. In una larga padella far scaldare l'olio aromatizzato con lo spicchio d'aglio (che poi toglierete), immettervi gli spinaci e farli appassire per pochissimi minuti, salandoli un poco. Scolarli, strizzarli e lasciarli raffreddare. Nel bicchiere del frullatore rompere tre uova, unire gli spinaci e frullare per qualche secondo. Aggiungere quasi tutto il latte, la farina, una grattugiata di noce moscata, frullare di nuovo aggiungendo, gradualmente, il resto del latte, finché il composto avrà la giusta densità. Consiglio per le figliole: se avete paura di fondere il motore (cosa non del tutto improbabile), mettete la farina in una bacinella, versatevi dentro il frullato di uova e spinaci, aggiungete il latte e mescolate accuratamente con una forchetta. Chiusa la parente(si).Far riposare la pastella per qualche tempo. Mettere sul fornello una capace pentola riempita d'acqua; al bollore salare, appoggiare l'attrezzo per spaetzli sul bordo (la pentola deve avere un diametro sufficientemente ampio) e lasciarvi colare dentro metà impasto. Far scorrere la vaschetta avanti e indietro per consentire agli gnocchetti di assumere la giusta lunghezza. Appena vengono a galla, prelevarli con una schiumarola e posarli in uno scolapasta. Ripetere l'operazione con il resto dell'impasto. Se si mangiano subito, disporli in una terrina riscaldata e condirli come meglio aggrada. Se, viceversa, si vogliono conservare per qualche ora (per esempio, prepararli al mattino per la sera a cena), dopo averli deposti nello scolapasta, passarli sotto un getto d'acqua fredda, per fermare la cottura. Sgocciolarli benissimo, versarli in un recipiente piuttosto largo e umettarli con un poco d'olio, per non farli attaccare. Al momento di andare in tavola, basterà riscaldarli in padella con il condimento preferito.










* impossibile dare una dose precisa dei liquidi. Molto dipende dalla farina, dalla grandezza delle uova e da quanto avrete strizzato gli spinaci. Consiglio di partire con 200 ml e di aggiungere, gradualmente, il resto.

2 commenti:

  1. mi sbaglio o la foto è cambiata? questa rende MOLTO di più..

    RispondiElimina
  2. grazie. In effetti, la foto degli gnocchetti, conditi con panna e pancetta affumicata,era rimasta parcheggiata nella macchina fotografica.

    RispondiElimina