Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

mercoledì 2 gennaio 2013

Tartellette alla cipolla caramellata, formaggio di capra e timo

Queste tartellette sono deliziose da servire con l'aperitivo, accompagnate da un calice di spumante secco.  La ricetta è presa integralmente dal sito di Delia Smith e l'unica modifica che ho apportato è stata quella di ridurre a 20 g il Parmigiano previsto per la brisée - in origine erano  40 g). Ottima l'idea di aggiungere un po' di senape e di pepe di Caienna sia alla pasta che al ripieno: danno quello zingy in più a tutta la preparazione.

TARTELLETTE ALLA CIPOLLA CARAMELLATA, FORMAGGIO DI CAPRA E TIMO 
(da una ricetta di Delia Smith )


Ingredienti per 20 tartellette 

Per la pasta:
175 g di farina 0
un pizzico di sale
75 g di burro + un extra per ungere gli stampi
20 g di Parmigiano Reggiano, grattugiato
1/2 cucchiaino di senape in polvere Colman's
un buon pizzico di pepe di Caienna
acqua gelata q.b.
1 uovo, leggermente battuto

Per il ripieno:
2 grosse cipolle dorate
110 g di formaggio caprino fresco (o, se si preferisce stagionato, del bûche de chèvre)
20 rametti di timo fresco, di piccole dimensioni
25 g di burro
1 uovo grande
120 ml di panna fresca
1/2 cucchiaino di senape in polvere Colman's
sale
pepe di mulinello
un pizzico di pepe di Caienna

Preparare la pasta setacciando in una ciotola la farina con il sale, la senape, il pepe di Caienna. Aggiungere il Parmigiano poi il burro, ben freddo, a dadini. Lavorare con la punta delle dita fino a formare un composto bricioloso. Unire qualche cucchiaio d'acqua gelata e, impastando brevemente, ottenere un panetto liscio che non si attacca alle pareti della ciotola. Mettere la pasta in un sacchetto per alimenti e farla riposare in frigo per 30 minuti. Nel frattempo, pelare le cipolle, affettarle sottilmente e farle stufare nel burro, a fiamma moderata, per circa 40 minuti, mescolando spesso, fino a quando diventeranno di un bel colore dorato e saranno ben asciutte. Lasciarle raffreddare. Togliere la pasta dal frigo e stenderla, su un piano infarinato, in una sfoglia sottile. Con un coppapasta dai bordi dentellati, ritagliare 20 cerchi di diametro 8 cm (i miei stampi - per Yorkshire pudding, ossia meno profondi di quelli per muffin - hanno un diametro di 6 centimetri). Imburrare ogni impronta e disporvi i cerchietti. Bucherellarne il fondo con una forchetta e pennellare l'interno con l'uovo battuto. Cuocere in forno preriscaldato a 180°C per circa 10 minuti, estrarre gli stampi e lasciar intiepidire i gusci. Nel frattempo, battere l'uovo (unire anche quello avanzato dalla spennellatura, mica lo vogliamo sprecare) con la panna e la senape; condire con un pizzico di sale e una macinata di pepe. Versare il preparato in una caraffina. Disporre sul fondo delle tartellette un po' di cipolla caramellata; ripartire la crema di uova e panna e decorare la sommità di ogni tartelletta con una rondella di caprino e un rametto di timo fresco. Completare con un pizzico di pepe di Caienna. Cuocere in forno caldo per 20 minuti o fino a quando le tartellette appariranno gonfie e dorate. 

Annota bene: consiglio di usare multistampi in silicone perché più facili da sformare di quelli di metallo. Le tartellette si possono cuocere prima, congelare e servire al bisogno, facendole scongelare a temperatura ambiente per un'ora e riscaldandole brevemente in forno.

11 commenti:

  1. Buone buone buone buone! Poi dove ci sono cipolle ci sono io!

    RispondiElimina
  2. Marzia, mi fa piacere questa condivisione di gusti ;)

    RispondiElimina
  3. Deliziose e gustosissime! Complimenti!

    RispondiElimina
  4. sei sempre fonte di ispirazione! E che classe!

    Tantissimi auguri cara Eugenia, per un anno pieno di cose belle..

    RispondiElimina
  5. La so la so....io "sbarello" per questa delizia, ho provato ad aggiungere delle granny ed è ancora meglio!!!
    Peccato che il gelo mi abbia bruciato il timo:((

    Un saluto, molti, moltissimi auguri!!

    Fabi

    RispondiElimina
  6. confermo le parole di Giuli ! Un'altra ricetta chic da conservare ..Buon Anno Cara Eugenia, un bacione ...

    RispondiElimina
  7. Metto la ricetta nella wish list, perchè il caseificio dove vada non avrà caprini veri prima di febbraio - marzo, intanto mi godo le tue foto succulenti. Buona Epifania cara Eugenia, un abbraccio grande nella tua calza da parte mia ♥

    RispondiElimina
  8. Che bella e golosa preparazione Eugenia, me la salvo subito!!
    Un bacione

    RispondiElimina
  9. Grazie mille a tutte e, come sempre...siete troppo generose nei miei confronti. Vi voglio bene!

    RispondiElimina
  10. Buonissima questa ricetta. Ho tanto formaggio da capra nel frigo, e questa sarebbe perfetta per usarla. Grazie per essere fermata al mio blog.

    RispondiElimina
  11. Ciao, Linda, benvenuta da queste parti!

    RispondiElimina