Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

martedì 28 giugno 2016

Torta di ciliegie rovesciata

La stagione delle ciliegie è giunta quasi al termine ma le occasioni per preparare un buon dolce con questo eccezionale frutto non mancano mai. Detesto ripetere sempre le stesse ricette e anche questa volta mi sono lasciata ispirare da una novità trovata sul magazine Olive. Ho notato che parecchie  torte di derivazione inglese non richiedono di lavorare in un certo ordine gli ingredienti, ma ci si limita ad assemblare tutto insieme senza troppi complimenti (la cosa mi fa pensare alla loro filosofia sul "non" stirare i panni, vero Stefano?). La consistenza è sicuramente diversa, meno soffice e più compatta, ma ugualmente piacevole, specie se c'è della frutta a rendere tutto più umido e morbido.
TORTA DI CILIEGIE ROVESCIATA
Ingredienti per uno stampo diametro 24 cm 
600 g circa (ma anche 700g) di ciliegie. Io ho usato la varietà Ferrovia
200 g di burro, molto morbido
qualche cucchiaio di confettura di albicocche (o di lamponi, senza semi)
200 g di zucchero 
la scorza grattugiata di 1/2 arancia, non trattata
100 g di farina di mandorle
150 g di farina autolievitante
un pizzico di sale
1 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia
100 g di yogurt greco 
4 uova, a temperatura ambiente
qualche goccia di estratto naturale di mandorla (opzionale)
Scaldare il forno a 160°C. Lavare e denocciolare le ciliegie. Imburrare uno stampo a cerniera e foderarne il fondo con un cerchio di carta forno tagliato a misura. Spalmare due o tre cucchiai di marmellata sul fondo dello stampo, quindi distribuire le ciliegie in uno strato uniforme. Per un miglior effetto decorativo, consiglio di appoggiare il lato dove c'era attaccato il picciolo sul fondo. Mettere il burro in una terrina e cominciare a lavorarlo con le fruste elettriche. Unire lo zucchero e, via via, gli altri ingredienti, fino ad ottenere un composto liscio e ben amalgamato, senza tuttavia lavorarlo troppo. Versare l'impasto sopra le ciliegie, distribuendolo in uno strato uniforme con l'aiuto di una spatola.  Cuocere in forno per circa un'ora o fino a quando uno spiedo di legno, infilato nel centro della torta, ne esce pulito. Se così non fosse, dare ancora 10 minuti di cottura. Una volta cotto, togliere il dolce dal forno e lasciarlo riposare nello stampo per 15 minuti, quindi sganciare il bordo e  capovolgere sul piatto di portata. Scaldare un paio di cucchiai di confettura in un pentolino e con l'aiuto di un pennello distribuirla sulla parte superiore delle ciliegie. Servire la torta tiepida, accompagnandola con altro yogurt greco, se piace.
La splendida rosa Heidi Klum (Tantau) nella rifioritura di giugno

10 commenti:

  1. E come ogni anno me le sono goduta troppo poco!
    Bella e buona questa torta!!
    Un bacione cara, buona giornata!!

    RispondiElimina
  2. questa torta fa fare un figurone !

    RispondiElimina
  3. ...se dormi con il cane, prendi le pulci.... quindi i panni non si stirano direi... :)
    + sulle torte all in one: allora, preciso: è una pratica che di fatto non esiste nei libri tradizionali di cucina inglese ma che è diventata popolare in questi ultimi 40 anni, forse popolarizzata dalla gran sacerdotessa della cucina inglese, delia smith. le classiche torte inglesi si fanno montando il burro e lo zucchero e poi aggiungendo gli altri ingredienti, come nella super classica quattro quarti, pound cake.
    io ho provato alcune volte le torte all in one, mettendole a paragone con il metodo tradizionale e non ne sono convinto: per venire vengono ovviamente, ma la loro consistenza non è fine come con il metodo tradizionale. sono più compatte.
    una pound cake fatta montando il burro fino a che abbia la consistenza di maionese e poi aggiungendo le uova molto gradualmente, continuando a sbattere (circa 2 minuti di sbattimento per ogni uovo, scusate italiano pessimo) da risultati nettamente migliori.
    detto ciò, interessante sperimentare.
    stefano

    RispondiElimina
  4. Ed io sono d'accordissimo con te, Stefano. Se mi ci fai pensare, la prima volta che ho visto mescolare tutto insieme in un robot gli ingredienti di una torta e' stato proprio in un programma della sciura Delia ;-) . Il caro Mario (mio marito), mi ha fatto subito notare che il dolce non era soffice come il solito :-( ma immagino sia una prassi che ha preso piede tra chi ama la vita comoda (vedi panni non stirati). Proprio stamattina, incontrandoci con nostra figlia a Milano, le ho detto quanto ti avevo scritto a proposito…

    RispondiElimina
  5. Spero che il giudizio sia benevolo ;-)
    vedrai che piacerà.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Eccerto che piacque. Enorme! Ci sfamai molti ospiti, e ne ho ancora per qualche mia colazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Artemisia. Sono molto contenta che la torta sia piaciuta ai tuoi ospiti. Quando la preparai, ne diedi ad Alessia un buon 3/4, da portare ai colleghi in ufficio. Giunse ancora tiepida, proprio dopo la pausa pranzo. Inutile dire che venne smolecolarizzata in un battito di ciglia. In effetti. e' un dolce che rende tante porzioni. Un bacione!

      Elimina
  7. Ho messo più ciliegie e ha tenuto

    RispondiElimina
  8. Hai fatto bene! Nella ricetta originale dicevano 500g, ma anch'io dovetti attingere ad un altro cestello di ciliegie perché me ne mancavano alcune per completare la decorazione.

    RispondiElimina