Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

martedì 5 aprile 2016

Due menu di Marzo

Per due domeniche di fila ho avuto a pranzo le mie figlie e questo mi ha consentito di preparare dei menu in tutta tranquillità, senza pormi problemi di riuscita e gradimento delle pietanze. Devo dire che, nel caso della torta salata del primo menu, mia figlia e il marito l'hanno gradita molto, facendo anche il bis, mentre a me e a mio marito non ha suscitato grandissimo entusiasmo (de gustibus...).Sempre molto apprezzato, invece, l'arrosto di pollo, salsicce e patate del secondo menu, una preparazione rustica che funziona perfettamente con ospiti con cui si è in confidenza.

Domenica 13 Marzo 2016
Si era in quattro, più la piccola Beatrice.
Con l'aperitivo, ho servito un piccolo divertissement consistente in un bouquet di tulipani formato da alcuni pomodori datterino, intagliati a guisa di tulipano e farciti con una mousse a base di caprino, scorza di limone grattugiata, erba cipollina, pepe e olio evo. I gambi erano formati da steli di erba cipollina. 
Come primo, una torta salata con zucchine e fiori di zucca ripieni; ricetta presa dal numero di marzo 2016 di Sale&Pepe.
Per secondo, una tempura di gamberi, calamari e zucchine, accompagnata da un paio di salse prese sempre dal quel numero del mensile.
Per concludere: crème caramel, che ho preparato con la stessa ricetta del pudim flan portoghese, eliminando la cannella e sostituendola con una stecca di vaniglia. Per il caramello, avendo utilizzato uno stampo da cake anziché gli stampini individuali, ho ridotto la quantità di zucchero a 120g e l'acqua a 50g.

Domenica 20 marzo 2016.
Si era in sei persone, più la piccola Beatrice.
Aperitivo con olive dolci aromatizzate al gin e scorza di limone.
Paté di carciofini e tapenade della casa.
Arrosto piccante di pollo, patate e salsicce 
Fragole con gelato alla vaniglia e panna montata
Biscotti di Prato (Antonio Mattei) con Vin Santo 
 Bouquet di giacinti e muscari appena colti in giardino

2 commenti:

  1. questo arrosto di pollo lo debbo provare (un affettuoso saluto, Eu :) )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Artemisia, è sempre bello rileggerti. Mario consiglia di NON disossare le sovracosce: il sapore ne guadagnerà ;-)

      Elimina